MotoGP, Valentino Rossi: “Jorge ed io abbiamo un diario segreto…”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (getty images)

Atmosfera distesa durante la conferenza stampa alla vigilia del GP d’Australia, dove Valentino Rossi e Jorge Lorenzo si giocano una fetta di Mondiale molto importante. Il maiorchino sa di dover vincere a tutti i costi o sperare in un errore del compagno di squadra, ma quest’oggi a Phillip Island si è giocato tanto sulla loro “relazione” ai box, dopo quella frase sulla sfortuna pronunciata dopo la tappa giapponese.

“Siamo molto felici del vostro interesse”, ha scherzato il leader del campionato Valentino Rossi. “Abbiamo un diario sul nostro rapporto, che sarà mantenuto segreto fino all’ultima gara! No, è sempre difficile quando si lotta per il campionato. A volte devi anche sopportare momenti difficili, ma penso che sia normale. Ci siamo abituati a stare insieme nella stessa squadra e anche noi siamo molto concentrati sul nostro lavoro e allo stesso tempo c’è rispetto reciproco… siamo rivali duri e la battaglia è difficile, ma è normale”.

Il vantaggio del Dottore in classifica è minimo e forse i calcoli potranno farsi solo a partire dal prossimo appuntamento in Malesia. Qui in Australia sarà difficile poter amministrare quei 18 punti e quindi si prevede un’aspra battaglia sin dalle prove libere, dove sarà fondamentale trovare immediatamente il set-up ideale “18 punti può essere un buon vantaggio, ma può anche diventare molto piccolo”, ha proseguito Rossi. “Abbiamo tre gare, ma ora abbiamo c’è pista che mi piace molto, dove abbiamo ottenuto grandi gare e grandi risultati. Ma, come sempre, tutti gli avversari sono molto forti e soprattutto Jorge è molto veloce qui. Quindi da domani mattina partirà un’altra battaglia qui a Phillip Island”.

Jorge Lorenzo è considerato il più veloce in questo campionato, ma finora ad essere premiata è stata la costanza del campione di Tavullia… “Di solito io sono molto costante. Negli ultimi due anni abbiamo migliorato molto il modo di lavorare e il setting della moto, in modo da essere sempre competitivo in ​​gara – ha concluso Valentino Rossi -. Posso guidare al massimo e fare sempre buoni risultati e sono abbastanza forte sul bagnato. Ma comunque non è ancora finita e il miglior pilota sarà quello che vince il titolo a Valencia”.