MotoGP Phillip Island, Valentino Rossi: “E’ il Mondiale più difficile ed emozionante”

Valentino Rossi GP Phillip Island 2015
Valentino Rossi (getty mages)

Nel giorno della conferenza stampa regna un’atmosfera distesa tra Valentino Rossi e il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, i due alfieri della Yamaha in lotta per il titolo iridato e distanziati da soli 18 punti in classifica. Dopo l’ultima vittoria nel 2009 il pesarese insegue il decimo titolo in carriera facendo leva sulla sua esperienza che, almeno fino ad oggi, non gli ha fatto commettere nessun errore. O forse solo uno a Misano, ritardando il cambio gomme.

Ma in una stagione dove è sempre salito sul podio un piccolo errore ci può stare. La parte più difficile arriva adesso… “Questa è una stagione molto dura e lunga… Ho migliorato la mia velocità nell’ultima gara, il che è importante – ha detto il Dottore -. Per i 18 punti può essere un buon inizio, ma in tre gare possono svanire”.

In 15 anni sul circuito di Phillip Island Valentino Rossi ha conquistato 13 podi, di cui 7 vittorie. Segno evidente che il tracciato gli è congeniale e una vittoria nella terra dei canguri, soprattutto quest’anno, potrebbe pesare davvero tanto: “Questa pista mi piace molto. Ho sempre ottenuto buoni risultati, ho molti bei ricordi del Gran Premio d’Australia. Ma gli avversari saranno molto forti – ha proseguito il pilota di Tavullia -. Soprattutto Jorge sarà molto veloce. Domani inizierà la prossima battaglia in FP1. Sarà qui come sempre difficile trovare un set-up ideale per domenica. Il clima qui è sempre un punto interrogativo. Cambia costantemente. Oggi il tempo è stato fantastico, quasi 30 gradi. Ma si dice che sarà più fresco nel corso del week-end. Speriamo in una gara asciutta con poco vento”.

In Australia Valentino dovrà fare i conti non solo con Jorge Lorenzo e Marc Marquez, ma anche con Dani Pedrosa, che nelle ultime gare ha dimostrato la stoffa del fuoriclasse: “La Coppa del Mondo è molto equilibrata. E’ quasi impossibile fare qualsiasi calcolo e pensare una strategia. Dani Pedrosa è diventato molto forte nel mese di settembre, mi ha già sconfitto in Aragona nel round finale. Così ho perso altri quattro punti. In Giappone Dani ha vinto. Ma dobbiamo anche prenderci cura di Marc Marquez e dei due piloti Ducati – ha sottolineato Rossi -. Devi essere al 100 per cento, altrimenti si perde un sacco di punti in fretta. Se questa è la mia stagione più difficile? Sì, può essere. Ogni stagione scrive la sua storia. Ma così equilibrata ed emozionante non è mai stata. Tre gare alla fine e tutto è ancora aperto…”.