MotoGP Phillip Island, Andrea Iannone: “Ora vogliamo rifarci”

Andrea Iannone (Getty Images)
Andrea Iannone (Getty Images)

 

I piloti di Casa Ducati guardano con un certo ottimismo al GP di Phillip Island, dopo la deludente esperienza dell’ultimo round di Motegi. L’obiettivo è quello di ritorvare sul circuito australiano il passo giusto per lottare per le posizioni “nobili” della classifica del Campionato.

Come i lettori di Tuttomotoriweb ben sanno, il 26enne Andrea Iannone ha accusato a Motegi il primo ritiro stagionale, con la rottura del motore della Rossa che lo ha fatto scivolare a 25 punti dal campione del mondo in carica Marc Marquez, che lo precede al terzo posto nella classifica del Mondiale. “È stato un peccato, una bastonata, perché Marquez non era nelle migliori condizioni e potevamo avvicinarlo, invece ho perso punti sia da lui, sia da Pedrosa, che mi segue in classifica”, ha dichiarato il pilota di Vasto nella conferenza stampa pre-GP di Phillip Island, come riporta la Gazzetta dello Sport, aggiungendo che “dobbiamo però essere positivi, puntare a fare buoni risultati da qui a fine stagione e non mollare”.

Il problema al motore non impensierisce affatto il ducatista. “Il guasto non mi dà alcuna preoccupazione, può capitare, è stato il primo dell’anno e con un progetto nuovo come il nostro ci sta – ha affermato Andrea Iannone – . Noi però abbiamo l’ambizione di rifarci, continuare sulla nostra strada e insistere per crescere: spero che la GP15 si adatti bene alla pista di Phillip Island, se penso al rendimento del 2014 penso che questo potrebbe essere un week end di buone prestazioni”.

 

Le speranze di Andrea Dovizioso

L’altro pilota del team di Borog Panigale, Andrea Dovizioso, ha spiegato ai giornalisti di essere “curioso di vedere come andrà la GP15 su questa pista dopo il buon 4° posto dell’anno scorso”.

Per il forlivese la gara australiana sarà l’occasione per un piccolo riscatto personale, al termine di una stagione cominciata molto bene ma proseguita senza grandi exploit. Al momento Dovizioso è 7° a 150 punti, ma a soli 4 punti dal 5°, Dani Pedrosa.

“Dobbiamo insistere, lavorare e spingere per progredire, trovare il massimo in questo finale di 2015 e farci trovare pronti nel 2016 “, ha sostenuto il pilota”, ricordando che “l’inizio di mondiale è stato scoppiettante per noi, poi tenere il passo non è stato semplice perché la nostra situazione si è stabilizzata, mentre gli altri hanno spinto oltre, però sono ancora concentrato su questa stagione, voglio recuperare posizioni in campionato, è ancora presto per pensare al 2016”.