MotoGP Australia, Marc Marquez: “La mia testa è già al 2016”

Marc Marquez
Marc Marquez (getty images)

A tre gare dalla fine del Motomondiale 2015 Marc Marquez è aritmeticamente fuori dalla corsa al titolo iridato, dopo aver collezionato ben cinque cadute stagionali a causa di una Honda non perfettamente all’altezza della situazione e forse anche per il suo carattere ancora irruento. Il campione di Cervera ha dovuto fare i conti con la mancanza di aderenza della ruota posteriore in frenata, oltre a impennate aggressive in ​​uscita di curva.

 

Caratteristiche che lo costringono a modificare il suo stile di guida. Un buon allenamento per avere un futuro di successo… “Già in questa stagione sto lavorando molto sulla moto… Penso che questo in futuro sarà un aiuto perché sto imparando molto per cercare di gestire il peso del corpo – ha detto Marc Marquez nella tradizionale conferenza pre-gara di Phillip Island -. Forse nel 2013 e 2014 lavoravo ma in modo diverso. Ma quest’anno sto lavorando molto fisicamente, ma quando si hanno problemi si cerca di correggerli”.

Adesso il pilota spagnolo cercherà di affrontare al meglio questo finale di campionato cercando di portare a casa altre vittorie, ma ormai la testa è giù focalizzata sul 2016: “Certo, ora la mia testa è più sul prossimo anno onestamente, ma rimangono ancora tre gare così non vediamo l’ora di finire queste tre gare sul podio”, ha proseguito il campione della Repsol Honda. “Cercheremo di vincere, perché sembra che i due piloti Yamaha sono veramente forti e penso Jorge sarà veramente veloce da FP1 ogni fine settimana. Quindi cercheremo di essere lì sul podio ed essere competitivi e finire la stagione in un buon modo”.

Come a Motegi anche in Australia Marquez scenderà in pista con una modifica al manubrio per agevolargli la guida in seguito all’infortunio alla mano sinistra: “La mano va molto meglio. In Giappone è stato doloroso, ma qui penso che andrà meglio. Ancora userò un manubrio speciale, ma cercheremo di essere competitivi fin dall’inizio”.