F1, Sebastian Vettel: “Io diverso da Hamilton. Ricciardo mi ha fatto dubitare di me stesso”

Lewis Hamilton Sebastian Vettel
Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (Getty Images)

Quello tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton potrebbe essere il duello che accompagnerà i prossimi campionati di Formula1, se la Ferrari dovesse colmare il gap attualmente esistente dalla Mercedes. Nico Rosberg, pur possedendo la stessa vettura del compagno, non si è dimostrato all’altezza. Il ferrarista, già quattro volte campione del mondo in Red Bull, ha invece le qualità per fare del filo da torcere all’inglese.

 

Stile di vita diverso tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton

Nell’intervista concessa a El Pais, Sebastian Vettel ha parlato anche di Lewis Hamilton relativamente al differente stile di vita che possiede rispetto al rivale: “Io sono uno sportivo, nulla di più. Ovviamente quando sei in griglia, le tribune sono piene e le persone ti supportano con una tua bandiera o con quella della Ferrari, ti sembra di volare. Ma la mia vita privata è tutt’altra cosa, non deve essere necessariamente legata al mio lavoro, almeno io la vedo così. Il mio stile di vita e quello di Hamilton non si assomigliano in niente. Ma ognuno vive la sua vita come vuole e gli piace. Al momento sono molto impegnato con quello che faccio perché la Ferrari non è ancora ancora dove vogliamo. Non ho pensato molto su quello che farò quando lascerò questo sport, ma difficilmente sarò qui tra 10 anni. Certamente troverò qualcosa che mi occuperà”.

Il tedesco ha una vita privata molto tranquilla e lontana dai riflettori. E’ fidanzato con Hanna Prater, dalla quale ha avuto  due figlie. Quindi ha già creato una famiglia. Differentemente da Lewis Hamilton, che per anni è stato il compagno della cantante Nicole Scherzinger ed è finito al centro di molte voci di gossip una volta terminata la relazione. Frequenta molto l’ambiente vip ed è attivo a livello di social network.

 

Sebastian Vettel parla della Ferrari e di Daniel Ricciardo

Nell’intervista non poteva mancare l’argomento Ferrari e il pilota ha così risposto nel commentare la sua esperienza in rosso: “Mi sono adattato bene,  la gente è cordiale e familiare. L’anno scorso le cose non stavano andando come avrei voluto e così ho pensato che fosse il momento di provare qualcosa di nuovo. Con il cambio di regolamento del 2014 avevo già capito che avrei potuto cambiare aria. Avevo già avuto contatti con la Ferrari, ma c’erano dei contratti che impedivano il mio trasferimento. Il team ha cambiato tanto, ma l’atmosfera è fantastica”.

Sebastian Vettel si è calato fin da subito molto bene nella nuova squadra e ne è diventato leader e trascinatore stringendo buoni rapporti con tutti, Kimi Raikkonen incluso: “Con Kimi è tutto favoloso, c’è rispetto reciproco. Mi piace per il fatto che per ogni sciocchezza che accade non nasconde nulla ed aiuta molto”.

Un compagno che lo ha messo in difficoltà è stato Daniel Ricciardo in Red Bull nel 2014. L’australiano lo ha battuto e lui ammette di aver dubitato di se stesso: “Sì, certo che dubitavo, e non mi vergogno ad ammetterlo. Alla fine ho capito che può accadere qualche volta. Ovviamente, ci sono stati dei fattori che hanno influenzato tutto, come l’introduzione di nuovi motori e i pochi chilometri abbiamo percorso in pre-season. La cosa importante è che io so quando ho potuto dare il massimo e quando no”.