RC Auto: dal 18 ottobre addio tagliando cartaceo, le compagnie risparmiano 100 milioni di euro

Rc AutoA partire dal 18 ottobre 2015 il tagliando della RC Auto diventerà esclusivamente elettronico, quindi scomparirà il classico tagliando cartaceo che finora eravamo soliti esporre sul parabrezza. Un cambiamento che farà risparmiare più di 100 milioni di euro sui costi operativi delle compagnie di assicurazione. Risparmi che potrebbero tradursi in un ulteriore calo dei premi pagati dagli automobilisti, diminuiti in media nell’ultimo anno del 20,55%.“

Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio RC Auto di Facile.it e Assicurazione.it, a settembre il costo medio di una polizza auto è stato pari a 511,44 euro, il 20,55% in meno rispetto a settembre 2014. La regione che ha visto una diminuzione maggiore dei premi RC Auto è la Campania, con una riduzione del 39,2% e un premio medio di 801,72 euro, che però resta ancora il più elevato sul territorio nazionale. La seconda regione con i prezzi più cari per assicurare l’auto è la Calabria dove, nonostante un calo annuale del 27,75%, si è registrata una media di 646,04 euro. Invece la regione italiana dove la polizza costa meno è la Valle d’Aosta (premio medio di 333,67 euro) e il Friuli Venezia Giulia (352,76 euro).

Dal 18 ottobre il tagliando cartaceo non dovrà più essere esposto sul parabrezza, ma i controlli automatici con dispositivi del tipo Tutor, autovelox e telecamere Ztl saranno effettuati prossimamente, poichè bisogna aspettare che il disegno legge concorrenza venga tradotto in realtà: per ora c’è già l’ok della Camera, ma si attende ancora il sì del Senato. Un sistema di controllo che aiuterà a scovare le tante, troppe auto che circolano senza assicurazione e che dovrebbe tradursi in una riduzione dei costi per i cittadini onesti.

Quindi dal 18 ottobre il controllo della copertura assicurativa del veicolo potrà essere effettuato soltanto “fisicamente”, cioè attraverso una verifica incrociata con il numero di targa nel corso dei posti di blocco da parte dalle forze dell’ordine. E prossimamente dovrebbero scattare anche sconti sostanziosi per quegli automobilisti del Sud che non registrano incidenti da almeno cinque anni e che sono costretti a pagare cifre esorbitanti per colpa di alcuni disonesti…