MotoGP, Marc Marquez: “Difetti della Honda? Stabilità e accelerazione”

Marc Marquez GP Motegi 2015
Marc Marquez (getty images)

Il campione in carica Marc Marquez quest’anno cederà lo scettro iridato a uno dei due piloti Yamaha, dopo una stagione alquanto deludente e contrassegnata da ben cinque cadute in gara e solo quattro vittorie. Nulla di paragonabile alla scorsa stagione, quando riuscì a collezionare dieci vittorie consecutive (13 in totale), probabilmente a causa di una moto non perfettamente idonea all’alto livello di competizione.

E’ vero che il nuovo telaio della Honda RC213V ha dato diversi problemi ad inizio stagione, la moto sembra avere qualche pecca in fase di stabilità e accelerazione, ma è pur vero che Dani Pedrosa a Motegi ha conquistato una sensazionale e netta vittoria su Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, mentre ad Aragon ha lottato fino a conquistare il secondo posto.

“Avevamo segnalato dei problemi già prima dell’inizio del fine settimana. C’è un circuito simile come Le Mans, stop-and-go e curve strette. In precedenza questo era un punto di forza di Honda, ma ora stiamo perdendo questi punti. In fase di accelerazione, si soffre un po’, quando si frena la moto sembra molto fragile, ma abbiamo anche freni molto in profondità negli angoli per compensare lo svantaggio di accelerazione. Pertanto, sapevamo che questa sarebbe una pista difficile per noi”, ha detto Marc Marquez in un’intervista riportata da Speedweek.com.

Tuttavia il pilota di Cervera loda il suo ‘datore di lavoro’ Honda e il team Repsol: “La squadra fa un buon lavoro, abbiamo i problemi più o meno sotto controllo e quindi dobbiamo migliorare. Come rallentiamo fin negli angoli, ci aspettiamo un ulteriore rischio, perché si carica il pneumatico anteriore di più. Ma sono molto felice perché alla Honda lavoriamo molto duramente. Certo che mi piacerebbe un ritmo migliore, più accelerazione e più stabilità, ma la Honda è al cento per cento – ha concluso il campione spagnolo – e io sono contento”.