Incidente Alex De Angelis, dott. Zasa: “Nelle prossime ore decideremo come intervenire”

Alex De Angelis
Alex De Angelis (getty images)

Il mondo della MotoGP resta con il fiato sospeso in attesa di ricevere buone notizie dal Dokkyo Hospital di Mibu, dove da sabato è stato ricoverato Alex De Angelis, a causa di un incidente rimediato nelle FP4 del Gran Premio del Giappone. Il pilota sanmarinese del team Ioda Racing continua ad essere in coma farmacologico nel reparto di terapia intensiva, le sue condizioni restano critiche ma non è in pericolo di vita.

Nella giornata di ieri ha ricevuto le visite di Loris Capirossi e Franco Uncini e viene assistito dal team sempre al suo fianco e che sta organizzando il trasferimento dei suoi familiari in Giappone. Nelle prossime ore verrà sottoposto ad ulteriori accertamenti e in base agli esiti si deciderà se sia necessario effettuare un intervento chirurgico.

Nella giornata di ieri ha avuto una piccola emorragia cerebrale, ma per il momento i sanitari preferiscono aspettare prima di pronunciarsi: “A volte si possono risolvere da sole, altre bisogna intervenire. Per il momento non abbiamo una diagnosi definitiva… Adesso bisogna verificare l’entità di questa emorragia e decidere con i neurochirurghi se e come procedere”, ha spiegato Michele Zasa, responsabile della Clinica Mobile, a Sky Sport.

“Per quanto riguarda il midollo spinale, apparentemente posso dirvi che non ci sono problemi avrà bisogno di un paio di mesi di ricovero per la frattura alle vertebre. Quando è arrivato in ospedale era confuso ma ha riconosciuto me e il resto del team. La sera era completamente sveglio, si lamentava del dolore ma ricordava tutto quanto eccetto l’incidente”.

Sul sito Motogp.com il dott. Michele Macchiagodena spiega che Alex De Angelis “ha avuto un trauma toracico con fratture costali bilaterali, sia a destra che a sinistra. Ma la cosa più importante è che ha avuto una contusione polmonare: cioè una sofferenza del polmone che bisognerà controllare nei prossimi giorni affinchè non sviluppi un’insufficienza respiratoria o un’infezione. Ha riportato anche la frattura di 5 vertebre dorsali, di cui 3 sembrano interessare il corpo della vertebra – ha spiegato -. Bisogna esser sicuri che queste fratture non siano instabili, altrimenti possono creare una lesione del midollo, e causare un danno neurologico che, per il momento, non c’è. In caso contrario si ricorrerà a un intervento chirurgico; inoltre, ha una frattura lombare, mentre l’addome per il momento sembra ok”.