F1 GP Russia, Lewis Hamilton: “Speravo che Vettel si avvicinasse”. Nico Rosberg: “Non mollo”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Getty Images)

La Mercedes ha vinto anche oggi e lo ha fatto con un autorevole Lewis Hamilton, ormai sempre più vicino alla conquista del terzo titolo mondiale di Formula1 in carriera. Approfittando del ritiro di Nico Rosberg nelle prime fasi di gara, l’inglese ha trionfato in scioltezza il Gran Premio di Russia corso a Sochi senza doversi preoccupare né di Sebastian Vettel (secondo) e neppure degli altri colleghi. La scuderia di Stoccarda, dopo il negativo GP di Singapore, ha ripreso a dominare ed è sempre più inarrestabile.

Nico Rosberg ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in seguito al ritiro avvenuto a causa della rottura del pedale dell’acceleratore: “Dopo la Safety Car ero tornato a spingere ma si è rotto l’acceleratore – ha dichiarato a Sky Sport – Questo problema faceva sì che il motore continuasse a spingere anche in curva ed era pericoloso. Questo è un vero peccato. Abbiamo 5.000 componenti su queste monoposto ed è normale che qualcosa si possa rompere, può succedere. Ma, devo dire, che è stata una sfiga incredibile. Io comunque continuo a lottare e proverò a vincere già in Texas”.

Lewis Hamilton invece ha così manifestato la sua felicità per vittoria odierna, che agevola la sua fuga in ottica titolo e gli consente di superare Ayrton Senna come numero di vittorie in Formula1: “È un momento speciale per me, superare Ayrton e farlo subito qui. Devo ringraziare il team che fa un lavoro fantastico, sono molto fiero per i risultati ottenuti. Questo è un sogno – riporta La Gazzetta dello Sport -. Ero entusiasta e pronto per un altro grande duello con Rosberg, eravamo vicino e mi stavo caricando per una grande gara, poi è stato costretto al ritiro: un peccato per il team. Quando più tardi ho visto Sebastian Vettel dietro, speravo si avvicinasse di più per un altro bel duello. È bello superare Senna in questo circuito e in una nazione bellissima come la Russia”.