Nicky Hayden lascia la MotoGP, dal 2016 con Honda in Superbike

Nicky Hayden
Nicky Hayden (Getty Images)

La notizia era nell’aria da giorni ma pare sia arrivata l’ufficialità: Nicky Hayden torna in Superbike nel 2016 con la Honda CBR1000RR del team Ten Kate. Dopo aver vinto il Mondiale MotoGP nel 2006 con il marchio nipponico il pilota texano cercherà di ripetersi anche in SBK e potrebbe essere il primo pilota a vincere entrambi i titoli. Hayden ha trascorso quasi tutta la carriera con la Honda, salvo una parentesi con la Ducati durata cinque anni e con cui ha conquistato tre podi.

Kentucky Kid sembrava quasi destinato a passare con la casa di Noale, ma probabilmente il progetto Honda alla fine è sembrata la migliore scelta (pare sia stata promessa una moto davvero competitiva dal 2017), dato che il futuro di Aprilia in SBK sembra ancora dubbioso. Nicky Hayden farà coppia con Michael van der Mark, 22 anni, mentre nel team Aspar approderà Yonny Hernandez al suo posto.

Il pilota statunitense è attualmente impegnato con il team satellite della Honda conquistando appena 13 punti e senza mai riuscire ad entrare nella top ten. Nella sua lunga carriera non ha mai raggiunto traguardi così bassi, quindi la svolta per la sua carriera e cercare di tornare subito ai piani della classifica. Contro Ducati e Kawasaki l’impresa non sarà per niente semplice, ma il brand nipponico ha le potenzialità per farlo tornare in alto.

In occasione della conferenza stampa alla vigilia del GP del Giappone Nicky Hayden ha dato l’annuncio ufficiale: “Questo sarà la mia ultima stagione in MotoGP, l’anno prossimo correrò nel Mondiale Superbike con la Honda e il team Ten Kate. Non c’è altro, niente drammi! Gli ultimi due anni non sono stati come mi attendevo e non ho potuto ottenere i risultati sperati. Ho sempre pensato di voler provare la SBK. Sto diventando ‘vecchio’, ma ho ancora voglia di correre e di divertirmi. Sarà una nuova sfida e una nuova opportunità – ha aggiunto il texano -. Mi mancherà la MotoGP: sono stato in grandi team, ho lavorato al fianco di persone straordinarie e ho vissuto i momenti più belli della mia carriera. L momento più bello è stato senza dubbio la vittoria di Laguna Seca”.