MotoGP, Andrea Dovizioso: “A Motegi con fiducia, qui sono sempre andato bene”

Andrea Iannone
Andrea Iannone (Getty Images)

Mancano quattro gare alla fine del Motomondiale 2015, quattro gare dove Ducati dovrà cercare di chiudere in bellezza una stagione piena di speranze ma avara di risultati, nonostante i progressi della GP15 rispetto all’anno scorso. Il lavoro di Luigi Dall’Igna ha dato i primi frutti, ma ancora nulla di comparabile alle prestazioni delle Honda e Yamaha ufficiali. A Motegi la casa di Borgo Panigale conserva bei ricordi, primo fra tutti la conquista del titolo iridati di Casey Stoner nel 2007.

Andrea Iannone, quarto in classifica iridata, approda in Giappone con un dolore persistente alla spalla che però non dovrebbe causargli troppi problemi nel week-end: “Ho dei buoni ricordi del circuito di Motegi, perché ho vinto una gara della 125 molto strana nel 2009 e una in Moto2 nel 2011. A mio avviso è una pista bellissima, anche se l’anno scorso in MotoGP la gara è stata un po’ difficile per me. Quest’anno con la Desmosedici GP15 spero di migliorare decisamente la mia prestazione – ha concluso il pilota di Vasto -, sempre che la spalla sinistra non mi dia troppo fastidio in frenata!”.

Il Twin Ring di Motegi è una delle piste preferite da Andrea Dovizioso che tenterà di chiudere al meglio questo finale di stagione: “Motegi è una delle mie piste preferite perché si frena molto, e quest’anno spero di riuscire ad essere veloce con la mia GP15, anche se nell’ultima gara di Aragón non ho avuto un gran feeling con la moto. Cercheremo di modificare il set-up per migliorare la stabilità in frenata – ha sottolineato il pilota forlivese della Ducati -, ma in ogni caso vado fiducioso a Motegi perché ho quasi sempre ottenuto dei buoni risultati in MotoGP, conquistando due volte la pole position, sia nel 2010 che lo scorso anno”.