BMW 633CSi: il gioiellino di “Ritorno al futuro” come nuovo (VIDEO)

(foto AFICIONAUTO)
(foto AFICIONAUTO)

 

 

I lettori di Tuttomotoriweb che hanno visto e amato la saga Ritorno al Futuro ricorderanno senz’altro la DeLorean DMC-12, l’auto probabilmente più significativa della trilogia Ideata da Bob Gale e Robert Zemeckis. Nel secondo film della serie, però, c’è un altro “gioiellino” passato ingiustamente in secondo piano, e che a tanti anni di distnza torna a far parlare di sé. E’ la BMW 633CSi guidata da Biff Tannen, interpretato da Thomas Francis Wilson, che sottopone a continui dispetti e vessazioni il più riservato George McFly. La sportiva bavarese, modificata dal padre Biff, ben si addiceva al carattere di un personaggio spavaldo e piuttosto meschino, incline al bullismo e facile alla collera.

 

Una paziente ricostruzione

La BMW di Ritorno al Futuro II fu messa in vendita nel 2004 e, dopo un profondo  e accurato restauro, necessario per riprodurre fedelmente tutti i componenti mancanti, è stata praticamente rimessa a nuovo. Il merito è di un appassionato statunitense, all’anagrafe Jeff Chabotte, originario del Connecticut, che ha prima acquistato e poi restaurato completamente uno degli esemplari utilizzati durante le riprese del film.

La storia di Chabotte è stata raccontata dai colleghi di Aficionauto. La sportiva gli venne proposta nel 2004, quando si trovava in Georgia: era un esemplare del 1976 (uno dei circa 400 assemblati nel primo anno di commercializzazione) con specifiche europee, di colore grigio, con circa 100.000 chilometri all’attivo. Jeff non si lasciò scappare l'”affare”, ma impiegò circa un mese per di recuperare tutti i pezzi mancanti, sostituire gli interni, riparare la carrozzeria, ricostruire ex novo i componennti introvabili e completare la verniciatura.

La prima apparizione pubblica risale al febbraio del 2005, ma il lavoro di rifinitura non è terminato. Il ragazzo ha infatti migliorato ancora il telaietto della capote e modificato l’alloggiamento dei vetri laterali, custodendo gelosamente i pezzi originali: tre pneumatici originali e il fanale posteriore destro che Biff Tannen ruppe durante una scena del film.

Ecco un gustosissimo resoconto dell'”impresa”: