Bambino ‘decapitato’ in incidente stradale, i medici riattaccano il capo

(getty images)
(getty images)

Jackson Taylor, bambino di appena 16 mesi, si trovava in auto con la madre e la sorellina quando è rimasto coinvolto in un terribile impatto frontale. In seguito all’incidente, avvenuto a Brisbane (Australia), ha subito una decapitazione interna che gli ha staccato il collo dalla schiena, ma dopo un intervento durato sei ore i medici sono riusciti a “riattaccare” il capo al bambino.

L’intervento “impossibile” sta facendo parlare tutto il mondo e i chirurghi australiani, coordinati dal dott. Geoff Askin, sono rimasti quasi sorpresi della riuscita dell’operazione. “Non sono molti i bambini che sarebbero sopravvissuti a un evento tale e anche se rianimati non avrebbero potuto muoversi o respirare di nuovo”, ha sostenuto il dott. Askin.

Per l’intervento è stato utilizzato un dispositivo che teneva il cranio di Jackson completamente immobile, mentre i medici riattaccavano le vertebre con del filo speciale e utilizzando pezzettini delle costole del bimbo di 16 mesi. Ora dovrà portare una specie di aureola metallica sul capo per qualche mese, ma resta grande fiducia per l’esito positivo.

Anche la sorellina del piccolo Jackson ha riportato una frattura vertebrale ed ha subito un intervento di tre ore e mezzo, in seguito al quale indosserà un busto per alcune settimane per evitare di diventare gobba.