MotoGP, Valentino Rossi: “Sapevo di potermi fidare di Pedrosa”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Nel corpo a corpo con Dani Pedrosa sul circuito di Aragon Valentino Rossi ha rischiato grosso e nonostante tutto ha dovuto cedere quattro punti che potrebbero rivelarsi decisivi per la lotta al titolo iridato. Negli ultimi giri lo spagnolo e il Dottore si sono dati battaglia senza esclusione di colpi, ma tutto si è svolto nel massimo della correttezza e della professionalità.

Un’eventuale caduta sarebbe stata fatale per il pilota di Tavullia che, dopo il terzo posto in Spagna, mantiene un vantaggio di 14 punti su Jorge Lorenzo.

“Ho condotto questa lotta solo per il campionato, perché avrei usato questi quattro punti – ha spiegato Valentino Rossi in un’intervista a Speedweek.com -. Sapevo che potevo fidarmi di Dani e poter chiudere al limite, perché era una lotta dura ma leale. Se si guida una gara e hai una piccola possibilità, allora bisogna provare fino in fondo”.

Ma la Yamaha M1 del pesarese poco ha potuto contro la più aggressiva Honda di Pedrosa, tra l’altro in splendida forma come non mai in questa stagione. Anche se bisogna ammettere che il Dottore non ha mai trovato un perfetto feeling con il circuito iberico per tutto il week-end.

“Solo nel warm-up abbiamo trovato la messa a punto ideale per la moto – ha spiegato Valentino -. Abbiamo fatto una buona gara, ma in questa bella gara ho perso nove punti su Jorge. Questa lotta per il titolo mondiale è molto difficile. Ora abbiamo bisogno di fare meglio”.

A cominciare dal prossimo GP in programma a Motegi l’11 ottobre, cui seguiranno le tappe in Australia e Malesia, per un trittico orientale senza soste intermedie. Sarà qui che i due piloti della Movistar Yamaha si contenderanno il Mondiale, prima di arrivare alla gara forse decisiva sul tracciato di Valencia. Sarà un mese decisivo per la MotoGP e le emozioni di certo non mancheranno!