Moto3: Enea Bastianini sceglie Estrella Galicia, Gresini dice no

Enea Bastianini (Getty Images)
Enea Bastianini (Getty Images)

 

Ogni divorzio, si sa, lascia dietro di sé rancori e veleni. Stavolta, però, il tutto è reso più doloroso dalla proverbiale beffa che si aggiunge al danno. I “partner” in lite sono Fausto Gresini ed Enea Bastianini. Dopo aver ripetutamente smentito i rumors che lo davano in uscita dalla sua squadra per legarsi al team Estrella Galicia, infatti, il giovane pilota romagnolo ha comunicato ad Aragon che sì, la sua intenzione è proprio quella…

 

Un nuovo braccio di ferro

Non stupisce che Fausto Gresini abbia reagito con toni furibondi alla notizia, annunciando che porterà ora il “caso” davanti all’IRTA. Il problema è che Enea Bastianini, attualmente secondo nella classifica del Campionato Mondiale Moto3, ha reso noto solo la scorsa settimana, in occasione del round spagnolo al Motorland, che intende cambiare squadra per il 2016.

A questo punto, Gresini farà di tutto per bloccargli la strada: “Gli ho ribadito il mio no – ha tuonato il manager dalle colonne della Gazzetta dello Sport – . Non rescindo niente, ho firmato un contratto e lo rispetto. Mi aspetto lo stesso da lui”.

A pesare è soprattutto il comportamente poco trasparente del pilota di Rimini nei confronti del suo team. “A darmi più fastidio è che Enea e chi lo segue mi hanno preso in giro – conferma Gresini – . Ogni volta che gli ho chiesto, mi hanno ripetuto di non voler andare via. Sono molto arrabbiato, abbiamo fatto mille riunioni con la Honda e, davanti a [Shuhei] Nakamoto e [Livio] Suppo, Enea ha ripetuto di non voler andare via”.

Di qui la decisione di sottoporre il dossier direttamente all’IRTA. “[Emilio] Alzamora è stato poco corretto, c’è un contratto e tutti abbiamo sottoscritto con l’IRTA un accordo nel quale ci impegniamo a non interferire con gli altri team”, fa notare Gresini. E lo stesso Alzamora “davanti ad altri mi ha detto che è il suo sponsor che vuole Bastianini perché gli serve un pilota vincente. E se io perdo Enea con chi lo rimpiazzo?”. “Comunque – conclude – il contratto è in mano all’IRTA, che deciderà”.

Una cosa è certa: non sarà uno strappo indolore.