MotoGP, Danilo Petrucci scivola ad Aragon: “Può succedere, in Giappone per il riscatto” (VIDEO)

Danilo Petrucci
Danilo Petrucci (getty Images)

Si chiude fra alti e bassi il Gran Premio di Aragon del team Pramac Racing, con Yonny Hernandez che ritorna finalmente nella top 10 e con Danilo Petrucci che cade a dieci giri dalla partenza. La moto ha improvvisamente perso aderenza e ha messo ko il pilota umbro per la prima volta in questa stagione, ma mantiene l’ottava posizione in classifica a quota 93 punti.

“E’ frustrante perchè mi sarebbe piaciuto finire tutte le gare a punti – ha confessato Petrux in una nota ufficiale -. Ma sono cose che possono succedere, soprattutto dopo 14 gare in cui abbiamo fatto bene. Ero molto competitivo, vicino ai migliori, e questa è una sensazione molto bella. Mi dispiace per la squadra che mi aveva dato una moto davvero veloce. Stavo spingendo, non credevo di essere oltre il limite per questo sono molto sorpreso per la scivolata. Guardando in prospettiva è stato comunque un week end molto positivo. E per questo adesso ho voglia di andare in Giappone – ha concluso Danilo Petrucci – per riprendermi quello che ho lasciato qua”.

Buona la prestazione del colombiano Yonny Hernandez, alla sua ultima stagione con il team satellite della Ducati, che dal 2016 sarà sostituito da Scott Redding. “Sono molto soddisfatto perchè abbiamo raggiunto il traguardo della Top 10 ma anche perchè sono riuscito a terminare la gara dopo un periodo difficile – ha confessato Hernandez -. Questo mi da molta fiducia in vista dei tre GP in Asia… Voglio ringraziare la squadra per il sostegno che mi ha dato in questo periodo. Mi sono stati tutti vicini, mi hanno aiutato molto e questa è una piccola soddisfazione che voglio dedicare a tutti i ragazzi. Siamo sulla strada giusta – ha concluso il pilota colombiano – e dobbiamo continuare così”.