BMW e McLaren: partnership strategica per realizzare due supercar?

Logo BMW
(getty images)

La joint-venture tra BMW e McLaren, iniziata con la Supercar inglese “F1”, dove la casa tedesca ebbe il compito di sviluppare il V12 da 6 litri, con una potenza di 680 Cv a 7800 giri, sembra destinata a proseguire. Come dichiarato dal mensile inglese “Car”, McLaren e BMW sembrerebbero intenzionate a portare avanti un nuovo progetto che darebbe vita a due supercar congiunte, l’erede della McLaren 650S e un’ipotetica erede della mitica BMW M1 degli anni ’70.

Per ridurre e abbattere i costi di sviluppo per la realizzazione di una supercar, si ricorre spesso a partnership con altre case automobilistiche, come quello attualmente esistente tra BMW e Toyota per realizzare l’erede della Z4 e l’erede della Supra. La partnership con la McLaren darà la possibilità al marchio tedesco di realizzare la futura rivale dell’Audi R8.

La Bmw vuole realizzare una supercar più estrema della Serie 6, ma meno convenzionale rispetto alla i8, che integri l’esclusività della Z8 di fine secolo e la potenza brutale della M1 anni ’70, ovvero una BMW che lascerà il segno per gli anni a venire, ma solo per pochi fortunati. Di conseguenza un progetto così imponente portato avanti solo dalla divisione M avrebbe costi insostenibili, che si ripercuoterebbero sul progetto stesso e sul costo finale della vettura.

Per questo progetto la partnership con la McLaren sembrerebbe azzeccatissima, perché l’azienda inglese può produrre un massimo di 5.000 supercar annue e, essendo i progettisti proiettati sull’erede della 650S, si può presumere la realizzazione di un nuovo telaio in fibra di carbonio, con la possibilità di montare motori differenziati nell’architettura, come un 6 cilindri in linea o in alternativa un V8.

E per quanto riguarda la motorizzazione della BMW si può ipotizzare un 4.0 litri biturbo con circa 750 CV di potenza, ma sicuramente avranno una linea e un’aerodinamica profondamente diverse tra loro per posizionare le due supercar in fasce differenti, posizionando la BMW sotto i 200 mila euro.

Adesso si dovrà solo attendere l’ufficialità che la joint-venture si concretizzi realmente e forse per il 2017 si potranno vedere le prime concept di BMW e McLaren.