MotoGP Aragon, Valentino Rossi: “Lorenzo è impressionante sul giro”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (getty images)

Il venerdì di prove del GP di Aragon vede Valentino Rossi al secondo posto, un evento forse raro in questa stagione che dovrebbe far ben sperare, ma davanti c’è Jorge Lorenzo con 6 decimi di vantaggio. Un gap che appare incolmabile in vista della gara e che richiederà tanto lavoro da parte dell’equipe del Dottore, per tentare di non far prendere il largo all’avversario sin dai primi giri.

Sarà fondamentale scegliere la mescola più adatta e rosicchiare qualche decimo, per tentare di arginare l’uragano maiorchino, o quantomeno stargli appiccicato il più possibile e tentare di chiudere la gara alle sue spalle. A mali estremi… estremi rimedi.

“Jorge ha fatto davvero un buon tempo sul giro e sappiamo che Jorge è sempre molto forte sul giro. E’ anche vero che ha fatto un attacco in tempo reale, al 100%”, ha commentato il pesarese al termine delle prove libere. “Penso che Jorge ha spinto di più, ma in ogni caso il tempo sul giro è impressionante perché sei decimi sono un sacco. Quindi domani dobbiamo mettere tutte le sezioni insieme e provare a fare un 1’47”.

Lorenzo sembra essersi migliorato rispetto all’anno scorso e i tempi delle prove libere parlano chiaro: “Credo che nelle ultime gare Jorge ha fatto un altro passo avanti e lui è in gran forma. Lui è molto più forte rispetto allo scorso anno”, ha dichiarato Valentino Rossi. “Perché per esempio, l’anno scorso Jorge a volte ha avuto qualche problema in pratica, come me, a volte lui era sesto o settimo, quest’anno è sempre forte e veloce… Significa che arriva ad un livello di concentrazione che è molto vicino al 100%”.

Ma il pilota di Tavullia non può che stringere i denti, dare il massimo nel week-end e vedere cosa succede nelle restanti cinque gare, dove ancora tutto può succedere: “Lavoro costantemente sul mio stile di guida, la posizione in sella, il modo di usare i freni e tutto. E’ sempre una grande evoluzione in MotoGP soprattutto quando si deve combattere contro Pedrosa, ma soprattutto Marquez e Lorenzo. Essi sono in grado di aumentare sempre il livello. Quindi è importante per cercare di rimanere allo stesso livello – ha concluso Rossi – e non prendere troppo svantaggio”.