MotoGP Aragon, Marc Marquez: “Valentino Rossi si è mostrato superiore”

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

 

Il fuoriclasse della Honda Marc Marquez sul circuito del Motorland ad Aragon (distante appena 170 km dalla sua Cervera), potrebbe vestire i panni di autentico guastafeste nel prossimo weekend del Motomondiale 2015. Il suo risultato nella gara di domanica, infatti, può far pendere la bilancia da una o l’altra parte della contesa. E dopo il successo all’ultimo round di Misano la fiducia non gli manca. Ma soprattutto non ha nulla da perdere: “Voglio vincere in ogni gara”, ha dichiarato quest’oggi nella consueta conferenza stampa pre- Gran Premio.

 

Sete di vittoria

Dopo un inizio di stagione un po’ appannato, per usare un eufemismo, il campione del mondo in carica Marc Marquez sembra aver finalmente riacquistato lo smalto di un tempo. “Quella di Misano è stata una gara strana in condizioni strane – ha ricordato quest’oggi il pilota della Honda ai giornalisti, come riporta Speedweek – . Sull’asciutto Jorge [Lorenzo] era veramente veloce e sarebbe stato difficile seguirlo. E’ stata una vittoria importante e staremo a vedere qui come andrà”.

Certo è che la concorrenza sarà agguerrita. “Yamaha ha fatto dei test qui e saranno forti – ha riconosciuto Marquez – . Il nostro target è ovviamente il podio e cercherò di fare il massimo per conquistare più punti possibile nelle corse che rimangono”. “Ma noi vogliamo lottare per la vittoria, il podio è il nostro obiettivo – ha subito aggiunto – . Se ho la possibilità di vincere, ci proverò”.

Alla domanda su chi sia il pilota migliore in questa fase tra Lorenzo e Valentino Rossi, Marquez ha risposto: “E’ difficile da dire, credo che Jorge sia più veloce ma Valentino sta facendo un grandissimo lavoro in termini di gestione e si è mostrato superiore”.

“Finora, la mia carriera è andata davvero bene. Questo è forse il primo anno in cui ho più problemi del solito. Ma ho già vinto quattro gare e altre cinque ci attendono. Ora voglio vincerne qualcuna”, ha ribadito, per poi concludere con una risata che “se ci fossero più gare come Misano potrei recuperare in ottica iridata, ma è difficile… Valentino è molto lontano e non fa errori, ma in ogni caso cercheremo di lottare”.