MotoGP Aragon, Jorge Lorenzo: “Sull’asciutto più forte che mai. A Misano e Silverstone ho sbagliato”

Jorge Lorenzo a Indianapolis
Jorge Lorenzo (getty images)

Jorge Lorenzo ha 23 punti da recuperare su Valentino Rossi nella classifica del campionato mondiale MotoGP 2015, ma non si sente affatto sconfitto visto che mancano ancora cinque gare e che già in questo week-end ad Aragon ha la ghiotta chance di accorciare il gap sfruttando magari anche il pubblico favorevole, che può dargli una spinta motivazionale in più.

Il maiorchino ha molta fiducia in sé e lo ha già dichiarato più volte, non mollerà fino all’ultimo pur di cercare di conquistare un titolo che gli manca dal 2012 nella classe regina del Motomondiale. Gli ultimi due campionati sono stati infatti dominati da Marc Marquez, un altro rivale per la vittoria ad Aragon ma non in ottica iridata.

Jorge Lorenzo in conferenza stampa ha presentato il gran premio spagnolo in maniera molto chiara fissando i suoi obiettivi: “Storicamente Aragon non è una pista Yamaha – si legge sul sito ufficiale motogp.com -. L’anno scorso in condizioni strane sono riuscito a lottare per la vittoria sia sull’asciutto che sul bagnato. Ero molto più veloce di quello che potessi ricordare. Mi sono trovato nella situazione di poter vincere, di solito è difficile però. Credo che quest’anno con i miglioramenti possiamo essere maggiormente competitivi rispetto agli anni passati”.

Successivamente il pilota della Yamaha è passato a parlare delle deludenti gare di Silverstone e Misano, entrambe bagnate e che lo hanno visto raccogliere meno del previsto considerando come erano andati i turni precedenti alla corsa: “Non ero contento, io preferisco correre sull’asciutto e mi sentivo più forte che mai. Avevo grandi speranze di lottare per la vittoria e credevo di poter vincere. Pensavo di guadagnare dei punti e invece ho perso ritrovandomi a -23. Ho avuto anche un po’ di sfortuna con il clima, ma è colpa mia perché potevo essere più avanti sia a Silverstone che a Misano.