MotoGP, Jorge Lorenzo: “Valentino Rossi non è perfetto, scenderò in pista per vincere”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Inizia il conto alla rovescia per il Gran Premio di Aragon, 14esima tappa del Motomondiale 2015, dove assisteremo all’ennesima sfida a tre tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, in lotta per il titolo iridato, e Marc Marquez, che mira alla vittoria pur sapendo che il titolo è ormai lontano.

Il maiorchino della Movistar Yamaha, dopo la caduta di Misano, insegue il Dottore a 23 punti di distanza e, con cinque gare al termine del Mondiale, sa di dover puntare alla vittoria per ridurre il gap quanto prima.

Probabilmente l’esito di questo campionato si deciderà nell’ultima gara a Valencia, ma fino ad allora le emozioni non mancheranno, anzi andranno sempre in crescendo. Jorge Lorenzo crede nella vittoria: “Non è una chimera, ho rimontato 50 punti a Marquez nel 2013”, ha detto in un’intervista a ‘Marca’. Peccato però, aggiungiamo noi, che il titolo finì nelle mani del pilota Honda…

Valentino Rossi sta facendo una stagione incredibile, nonostante i suoi 36 anni, scrivendo una pagina di storia della MotoGP che mai nessuno potrà obiettare, aldilà del risultato finale. “Ogni piccolo errore ti fa perdere molto e mi è accaduto in molte gare – ha proseguito il pilota spagnolo -. Con una sciocchezza, che non accada e che hanno superato sia la pioggia o le gomme, non ho trovato abbastanza di destra. Valentino Rossi è filato liscio in tutte le circostanze… Nell’ultima gara sono passato da 13 a 23 punti di differenza. Ma devo andare al limite, se voglio recuperare così tanti punti in poche gare”.

Certo che il campione di Tavullia dovesse registrare una caduta sarebbe tutto più semplice per Lorenzo… “Non è perfetto. Ricordo il 2009 a Indianapolis, quando cadde mentre mi seguiva. Nel 2006 ha anche fatto un errore, soprattutto a Valencia nella gara finale durante la sua lotta con Nicky Hayden”.

Ma finora Rossi è stato lucido e cinico in ogni gara, sempre a podio, eccezion fatta per l’ultima gara di Misano dove ha ritardato il rientro ai box per il secondo cambio moto. Un errore che poteva costargli caro, ma è stato graziato dalla caduta del compagno di squadra. Dal prossimo week-end Jorge Lorenzo scenderà in pista per vincere ad ogni costo, o quantomeno per finire la gara davanti al Dottore… “Inutile vincere ogni gara, finendo davanti a lui potrebbe bastare per vincere il campionato. È difficile, ma possibile. Inoltre, io sono nella miglior condizione della stagione e scenderò in pista con una mentalità vincente”.