Moto3, Niccolò Antonelli: “Valentino Rossi fa un ottimo lavoro”

Niccolò Antonelli (Getty Images)
Niccolò Antonelli (Getty Images)

 

Il giovane talento della VR46 Riders Accademy Niccolò Antonelli è fortunato per tanti motivi, ma il più importante è sicuramente la possibilità di consultarsi con il nove volte Campione del Mondo Valentino Rossi nel mitico Ranch di Tavullia. E i risultati si vedono.

 

A lezione dal Dottore

Che Niccolò Antonelli fosse un rider promettente – al pari dei colleghi della VR46 Academy Franco Morbidelli, Luca Marini, Andrea Migno, Nicolò Bulega, Romano Fenati, Francesco Bagnaia e Lorenzo Baldassarri – non è certo una novità. Quest’anno, però, il 19enne di Cattolica  è riuscito a dimostrare in sella alla Honda del team Ongetta-Rivacold tutto il suo potenziale. Qualche domenica fa ha messo a segno la sua prima vittoria in Moto3 nel GP di Brno, e dopo il 3° posto a Silverstone, nel round di Misano ha conquistato il gradino più basso del podio portandosi a 126 punti e rafforzando la 5° posizione in classifica generale.

“Le prime quattro gare non è sono andate così bene quest’anno”, racconta Niccolò Antonelli a Speedweek, perché “ho avuto diversi problemi con la moto… E ‘stato difficile. Ma in tutte le altre gare sono stato in grado di lottare per un buon piazzamento e per il podio. Poi è arrivata anche una vittoria”.

Lui stesso riconosce che il merito del suo successo va in larga parte a Valentino Rossi: “Valentino ha vinto nove titoli mondiali – ricorda Antonelli – . Si trova in una situazione diversa. Ma con la VR46 Academy fa un ottimo lavoro. Ha selezionato alcuni piloti e li aiuta a crescere”. Il Dottore, dunque, sa anche essere un buon maestro. “Possiamo lavorare con lui, il che è molto importante per noi – conclude – . Possiamo trarre grande ispirazione dal suo atteggiamento. Ho già imparato molto da lui”.