F1 GP Singapore, Lewis Hamilton: “Poche chance di vincere. Red Bull più veloce della Ferrari”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Getty Images)

In pochi se lo aspettavano, ma la Mercedes nel Gran Premio di Singapore parte tutt’altro che favorita. Le frecce d’argento di Stoccarda hanno manifestato dei problemi fin dalle prove libere e anche in qualifica hanno ottenuto un risultato non in linea con quelli ai quali ci avevano abituati. Lewis Hamilton e Nico Rosberg hanno ottenuto rispettivamente il 5° ed il 6° posto molto lontani (oltre 1 secondo e 4 decimi) dalla Ferrari di Sebastian Vettel, autore della pole position sul circuito di Marina Bay. In ottica gara è difficile immaginare che il team tedesco possa vincere, ma non bisogna darlo per sconfitto in partenza perché in Formula1 le sorprese a volte non mancano.

Lewis Hamilton al termine della giornata ha rilasciato le seguenti dichiarazioni mostrandosi deluso della situazione: “Abbiamo problemi di assetto che non si possono spiegare solo con le gomme che non funzionano – si legge su Gazzetta.it – La Ferrari oggi è andata forte ma dalle simulazioni gara mi è sembrato che la Red Bull fosse più veloce sul passo. Io al momento non credo di avere molte possibilità di vittoria domani”. Per il leader del Mondiale è sfumato il record delle 8 pole position consecutive, detenuto da Ayrton Senna, ma non sembra preoccupato da ciò: “Sono contento che lo tenga lui, a me il record cambiava poco, conta vincere gare e mondiali”.

Anche Nico Rosberg, ovviamente, è amareggiato per lo scarso risultato ottenuto al volante di una Mercedes insolitamente poco competitiva: “Oggi le abbiamo provate tutte, ma la macchina era brutta da guidare. Non so cosa non sia andato. È difficile per domani, non ce lo aspettavamo ma la Ferrari fatto una bella cosa e ed è andata molto forte. In ottica campionato attaccherò, ma non solo devo prendere Lewis, ma devo guardarmi anche da Vettel che sta arrivando”. Il figlio d’arte non si arrende in ottica iridata, ma vuole anche evitare di perdere la seconda piazza in favore del connazionale della Ferrari.