MotoGP, Giacomo Agostini: “Valentino Rossi campione del mondo all’80%”

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini (getty images)

L’errore di Valentino Rossi a Misano poteva costargli caro, ma la fortuna stavolta ha guardato dalla sua parte e Jorge Lorenzo ha sbagliato ancora di più, cadendo subito dopo il secondo flag to flag e rendendo dorato il quinto posto del pesarese. Guadagnare 11 punti in una gara bizzarra, forse la più elettrizzante degli ultimi anni, è come se piovesse manna dal cielo. Ma se il maiorchino non fosse caduto probabilmente oggi staremmo a parlare del suo sorpasso in classifica.

Ma sono ipotesi che fanno parte del passato e nessuno potrebbe rimproverare un fuoriclasse come Valentino Rossi, alle prese con una delle scelte forse più difficili della sua carriera, dove c’è in gioco il titolo mondiale della MotoGP, il decimo per la precisione. Forse non sarà il mondiale più importante della sua vita, ma di certo è la perfetta ciliegina sulla torta di una vita sportiva che si fa leggenda.

Nel tam tam delle dichiarazioni post Misano forse solo Giacomo Agostini, dall’alto della sua esperienza, può permettersi di fare una tiratina di orecchie al Dottore, metaforicamente parlando. “Voleva vincere a tutti i costi. Davanti a novantamila tifosi solo per lui non ci sono alternative. Io credo che all’inizio abbia pensato solo a far gioire il suo popolo”, ha detto in un’intervista a ‘Repubblica’. E aggiunge con un pizzico di invidia: “Se vince ancora, finisce che mi ruba il primato dei successi in pista (Agostini è a quota 123, Valentino Rossi a 112, ndr). E ci resterei troppo male”.

Nelle prossime cinque gare il pilota di Tavullia non dovrà accontentarsi di gestire il vantaggio di 23 punti da Jorge Lorenzo, che potrebbe anche vincere tutte le restanti gare. Sarà fondamentale ritornare subito sul podio, a cominciare dal prossimo Gran Premio di Aragon in programma tra meno di due settimane. Il maiorchino avrà voglia di riscattarsi e avrà meno da perdere, ma il “pesciolino” Rossi non ha paura e va avanti da vero guerriero. E secondo Agostini per l’80% il titolo è già suo: “Rossi ha l’80% di possibilità, Lorenzo il resto. Marquez? Zero”.