MotoGP, Marc Marquez: “Con l’asciutto avrebbe vinto Jorge Lorenzo”

Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)

 

Il vincitore del round di Misano Marc Marquez è stato autore quest’oggi di una gara che entrerà negli annali della MotoGP. Dopo lo 0 rimediato a Silverstone, lo spagnolo della Honda è salito sul gradino più alto del podio italiano al termine di una corsa ricca di colpi di scena e continui cambiamenti atmosferici.

Una vittoria, la sua, tutta strategica, poiché legata alla scelta di rientrare a dieci giri dalla fine (due prima di Jorge Lorenzo e tre prima di Valentino Rossi) per riprendere la moto con le slick.

 

Il ritorno del Fenomeno di Cervera

Se finora la stagione 2015 di Marc Marquez era apparsa un po’ sotto tono, con il GP di Misano lo spagnolo è tornato dimostrato tutta la sua abilità e “preveggenza” in pista. “Stavo cercando di controllare la situazione – ha dichiarato al termine della gara, come riporta Repubblica.it – , ma visto che ero alle spalle di Rossi e Lorernzo ho avuto la possibilità di vedere in diretta le loro gomme andare in pezzi, per cui appena la mia moto ha cercato di buttarmi per terra sono entrato subito ai box”.

Il risultato finale è frutto di un incastro perfetto di circostanze favorevoli al Fenomeno di Cervera. “Mentre Rossi e Lorenzo si marcavano – spuega Marquez – ho fatto la mia gara. Dal team mi hanno detto che la pista era completamente asciutta (qui l’asfalto è nuovo, tutto nero, e non si capiva bene) così sono tornato ai box e abbiamo vinto la gara”. “Ma devo essere onesto – conclude – se questa corsa fosse stata asciutta avrebbe vinto Lorenzo, era un passo avanti a tutti”.

 

Il commento di Livio Suppo

Di “gara pazza” parla invece il team manager della Honda Livio Suppo. Quella di Misano è stata “la gara più pazza che abbia mai visto – ha commentato Suppo – ma Marc è stato bravissimo, si è messo dietro le due Yamaha per capire quello che facevano, bel colpo”.