MotoGP: Jorge Lorenzo e il problema casco, HJC si difende dalle accuse

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Dopo averlo beffato nella prima gara in Qatar il casco penalizza per la seconda volta in questa stagione Jorge Lorenzo, quarto al termine della gara bagnata di Silverstone, dove ha lamentato un problema di appannamento della visiera. Un evento spiacevole che ai livelli della MotoGP non dovrebbe succedere, nonostante abbia utilizzato uno speciale spray prima di iniziare il GP.

E adesso nel mirino del pilota maiorchino della Yamaha ci sarebbe il marchio HJC che, conti alla mano approssimativi, gli ha fatto perdere una decina di punti in questo campionato.

All’indomani della gara in terra britannica Jorge Lorenzo ha riconfermato la fiducia nel marchio coreano, ma a quanto pare starebbe pensando a cambiare casco in vista del 2016, forse tornando al marchio tutto italiano X-Lite o Nolan. Una scelta che non sarà facile dal momento che ha firmato un contratto fino alla fine del prossimo anno e per rescinderlo dovrà pagare pesanti penali.

Giustamente il pilota spagnolo al termine del GP di Silverstone ha indicato chiaramente il suo casco per evidenziare a tutti il problema di appannamento della visiera, tanto da rientrare ai box con il casco in testa in modo che chiunque potesse vedere cosa lo ha frenato per davvero, dal momento che era quasi impossibile vederlo in volto.

Alla domanda circa l’incidente HJC ha risposto che Lorenzo avrebbe dovuto tenere le prese d’aria frontali aperte durante la gara e utilizzare un nose guard durante l’applicazione di un rivestimento spray speciale all’interno della visiera. Lorenzo afferma che non ha usato il noseguard, ma che lo spray è stato applicata, ma senza alcun risultato. Un botta e risposta che non lascia presagire un ottimo feeling tra il due volte campione della MotoGP e il marchio coreano. “Purtroppo è già la seconda volta che perdo dei punti per colpa del casco, ma al momento non posso ancora dirvi se ci saranno delle conseguenze”, ha annunciato pochi giorni fa Jorge.