Rc moto: come funziona il nuovo “attestato di rischio”elettronico

(Getty Images)
(Getty Images)

 

Una dei principali cambiamenti introdotti con la rivoluzione informatica delle assicurazioni sul fronte Rc moto è stata l’abolizione (anche se parziale) dell’attestato di rischio cartaceo, che la lasciato il posto a un documento elettronico anti-frode, consultabile sul web.

Dal 1° giugno 2015, infatti, la storia “assicurativa” di ogni cliente delle varie compagnie, con il dettaglio dei sinistri denunciati negli ultimi 5 anni e la classe di merito raggiunta, dev’essere riportata non più su carta, ma in un’area privata web cui avranno accesso solo l’assicurato, la sua società di assicurazione e pochi altri. E ad ottobre seguirà l’entrata in vigore del tagliando assicurativo informatico (anch’esso virtuale). Vediamo insieme quali sono le principali novità per i motociclisti.

 

A portata di clic

L’attestato di rischio elettronico, entrato in vigore lo scorso giugno, ha sostituito il formato cartaceo di uno dei documenti assicurativi più importanti per un motociclista. Per chi ha poca dimestichezza con internet c’è sempre la possibilità di richiedere il documento cartaceo a mezzo posta alla compagnia di riferimento.

Il vantaggio dell’attestato di rischio elettronico (al pari del tagliando), tuttavia, sta nella sua funzione anti frode: nel nuovo formato, infatti, la documentazione assicurativa non può essere contraffatta. E, come i lettori di Tuttomotoriweb ben sanno, tra le truffe più frequenti in ambito assicurativo c’è proprio la falsificazione dell’attestato di rischio cartaceo, della classe di merito e dei dati relativi ai sinistri con colpa.

A livello pratico, chi intende cambiare assicurazione moto o assicurare una nuova vettura, dovrà consultare una pagina web riservata, presente sul sito della compagnia di riferimento, nel quale saranno aggiornati in tempo reale tutti i dati relativi ai sinistri denunciati. Il documento in formato elettronico potrà essere scaricato e consultato solo dal titolare della polizza, dagli aventi diritto (ovvero il proprietario della moto, se diverso dal contraente, e gli altri conducenti indicati nel contratto di assicurazione) e dalla compagnia assicurativa.

A informare i clienti della disponibilità online del documento saranno le stesse assicurazioni a mezzo raccomandata a/r al domicilio indicato nel contratto di assicurazione moto. Per la consultare e scaricare il file contenente l’attestato (da computer, smartphone o tablet), oltre che le applicazioni della compagnia per la gestione della polizza e tutti i relativi documenti, verranno fornite una password e un username, mediante i quali si potrà accedere all’area privata.

Il futuro digitale passa anche da qui…