MotoGP, Valentino Rossi: “I 12 punti sono importanti, ma Lorenzo è forte”

Valentino Rossi Yamaha rider
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi ha sorpreso tutti, ancora una volta. A Silverstone ha vinto su una pista a lui sfavorevole e si è rimesso in solitario in testa alla classifica mondiale MotoGP con 12 punti di vantaggio sul compagno e rivale Jorge Lorenzo. La pioggia lo ha favorito in maniera netta visto che con l’asciutto il suo ritardo era consistente, ma i piloti devono essere pronti a correre in ogni condizione e lui ha dato una lezione a tutti in Gran Bretagna. Ma nelle prossime gare non sempre l’acqua potrà venire in suo soccorso nei momenti di difficoltà, il Dottore dovrà fare il salto di qualità richiesto per lottare ruota a ruota con lo spagnolo.

 

Valentino Rossi parla della lotta per il titolo MotoGP

Il numero 46 della Yamaha non può essere soddisfatto ed uscire rafforzato dopo il GP corso sul circuito britannico, ma non si vuole affatto rilassare perché mancano ancora sei gare ed il suo avversario è molto veloce: “Purtroppo, questo vantaggio non è così determinante, perché Jorge è altrettanto forte – si legge su Speedweek -. Naturalmente, dodici punti sono importanti, ma purtroppo non dà alcun vantaggio reale psicologicamente. È sicuramente importante essere ancora una volta primo, perché ho guidato la classifica sin dalle prime gare. Dopo Barcellona, Jorge era indietro di un solo punto. Dopo Brno, eravamo alla pari, ma lui non è mai stato veramente davanti a me”.

Valentino Rossi ha così proseguito il suo intervento sempre sul tema relativo alla lotta per il titolo iridato: “Aver ampliato il divario è comunque molto positivo Soprattutto a Silverstone che era una pista su cui sulla carta mi poteva battere. Ma non lo è più. 12 punti, sei gare e molte piste su cui Jorge è forte. Era importante per battere Márquez, perché con il suo ritiro è ora molto lontano”. Il duello per il Mondiale è un affare tutto Yamaha adesso.