MotoGP, Danilo Petrucci: “Adesso voglio un altro podio”

Danilo Petrucci
Danilo Petrucci (getty images)

La gara di Silverstone non sarà ricordata solo per la vittoria di Valentino Rossi, ma anche per il podio tutto italiano completato da Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso. A stupire il mondo della classe regina è stato il pilota umbro del team Pramac Racing che, in sella alla Ducati Desmosedici GP14.1, ha conquistato il suo primo podio nella top class, raggiungendo un sogno che sembrava impossibile in questa stagione altamente competitiva.

“Se arrivi in MotoGP, lo fai solo per unico sogno: vincere – ha spiegato Petrux al sito Motogp.com -. Allora un risultato come quello di domenica lo vedevo lontanissimo, e forse, non l’immaginavo neanche per quest’anno… magari per la prossima stagione, con una moto più competitiva. Eppure sapevo, nella possibilità di una gara bagnata, di poter dire la mia”.

 

Il primo podio e il prossimo obiettivo di Petrux

La pioggia di Silverstone ha rivoluzionato gli equilibri della vigilia, ha sancito le difficoltà di Jorge Lorenzo sul bagnato e condannato Marc Marquez al quarto scivolone stagionale. In attesa della gara casalinga a Misano Danilo Petrucci spera di riuscire ad essere più competitivo sull’asciutto e di fare una buona prova, dopo aver già effettuato una giornata di test sul circuito di San Marino, magari concludendo nella top ten

E sul mancato duello con Valentino Rossi a Silverstone commenta: “Onestamente, non ce l’avrei fatta. Per me è stata una sorpresa il recupero nei suoi confronti. Ma io volevo rimanere in piedi, a tutti i costi: ero davanti a Dovizioso ed ero felicissimo per la gara che avevo disputato – ha confessato il rider di Terni -. Se fossi caduto all’ultimo giro, credo che non sarei nemmeno tornato al box: sarei andato subito in aeroporto a prendere il primo volo! Ho cercato di gestire al meglio la situazione. Ma ho dato il massimo, non mi sono accontentato”.

Adesso il primo obiettivo di Danilo Petrucci è difendere l’ottava posizione in classifica dagli attacchi di Pol Espargarò e Cal Crutchlow, ma il sogno non troppo celato è ripetere l’impresa inglese: “Non mi piace parlare di numeri, ma adesso spero che quello di domenica scorsa non sia l’unico podio della stagione. Realisticamente, per Misano, l’obiettivo è rientrare nella Top 10”.