F1, Sebastian Vettel: “Correre a Monza con la Ferrari è speciale”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (Getty Images)

In questo week-end il campionato di Formula1 2015 fa tappa a Monza per il Gran Premio d’Italia, un appuntamento molto speciale per Sebastian Vettel. Innanzitutto perché è la prima volta che ci corre al volante della Ferrari e pertanto sarà praticamente una gara casalinga per la scuderia di Maranello; in secondo luogo perché sulla pista italiana lui ha colto la sua prima vittoria in F1 nel 2008 quando correva con la Toro Rosso. Il quattro volte campione del mondo è molto motivato a fare bene, l’obiettivo è certamente quello di salire almeno sul podio. Proverà comunque a dare fastidio alle Mercedes se ne avrà l’opportunità.

 

Sebastian Vettel emozionato di correre a Monza

Il pilota tedesco in vista del GP d’Italia ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alle sensazioni e alle emozioni che prova al pensiero di correre nel circuito brianzolo:“Naturalmente ho un sacco di bei ricordi ed emozioni legati a Monza e per me è sempre bello tornarci” – racconta a ferrari.com – e farlo con la Ferrari lo renderà ancora più speciale. Non è un tracciato faticoso dal punto di vista fisico, ma questo non vuol dire che sia semplice: si affrontano lunghi rettilinei ed è importante saper gestire l’impianto frenante, perché si arriva alle staccate ad alta velocità. Le caratteristiche di questo tracciato richiedono un assetto a basso carico aerodinamico e questo rende la vettura più difficile da controllare. Sono molto curioso di guidare su questo circuito, sia perché quest’anno la power unit è più potente, sia perché ci sono sempre tantissimi tifosi: non vedo l’ora di incontrarli”.

Sebastian Vettel sembra molto fiducioso e ottimista. Ovviamente è consapevole del gap dalla Mercedes e della voglia di altre scuderie di soffiare alla Ferrari il ruolo di seconda forza del campionato di Formula1. Il team di Maranello, però, sta lavorando moltissimo per recuperare sulle frecce d’argento di Stoccarda e si spera che a Monza il divario non sia troppo elevato. Trattandosi di una pista veloce dove il motore è importante, non è escluso che le rosse possano pagare qualcosa dai rivali. Sarebbe lo stesso positivo esse i ‘primi degli altri’ piazzandosi sul podio e in quarta posizione, considerando anche che c’è un Kimi Raikkonen voglioso di riscattare lo sfortunato GP di Spa-Francorchamps.