IndyCar, muore il pilota britannico Justin Wilson (Video dell’incidente)

Justin Wilson (Getty Images)
Justin Wilson (Getty Images)

E’ morto nella notte Justin Wilson, il pilota di Formula Indy con un passato in F1 nel 2003 con Minardi e Jaguar. L’amatissimo atleta britannico, 37 anni, era rimasto in coma dopo l’incidente di cui era rimasto vittima due giorni fa durante una gara a Pocono, in Pennsylvania, nel campionato IndyCar (in basso il video del tragico schianto).

 

Addio campione

Il decesso, spiegano i medici, è avvenuto a causa delle gravi ferite causate dai detriti che lo hanno colpito in seguito alla collisione. Il pilota correva con un contratto per sette gare per il team Andretti Autosport. E’ stato colpito sul casco da un rottame (il musetto, a quanto pare) della vettura di Sage Karam, finito sul muro poche centinaia di metri davanti a lui. Il pilota ha perso conoscenza e, non avendo il controllo della vettura, è finito contro il muro che delimita la pista. La sua vettura è stata poi “sollevata” con una gru e Wilson è stato trasportato in elicottero al Cedar Crest.

In passato Justin Wilson era stato protagonista di altri incidenti in Formula Indy, nel 2011, 2012 e 2013, riportando ogni volta fratture varie. Ma poi era sempre tornato a gareggiare: “Ne ho parlato con mia moglie Julia – aveva spiegato – e abbiamo concluso che nel mio mestiere si corrono dei rischi. Ma fa parte del gioco e io ne sono consapevole”.

Sul sito web di Wilson, che lascia una moglie e due figlie, i famigliari del pilota hanno scritto un messaggio ringraziando “il personale dell’ospedale Lehigh Valley Health Network Cedar Crest, il circuito di Pocono, l’Andretti Autosport e la Verizon IndyCar Series, così come l’intera comunità del motorsport per i tantissimi messaggi di cordoglio arrivati dai fan di tutto il mondo”.

Mark Miles, amministratore delegato della società che gstisce la IndyCar, ha invece dichiarato che “questo è un giorno incredibilmente triste per la IndyCar e per la comunità degli sport motoristici in generale. L’eccezionale abilità di Justin di guidare un’auto da corsa era pari alla sua grande gentilezza, carattere e umiltà, doti che lo avevano reso uno dei componenti più rispettati del paddock”.

La redazione di Tuttomotoriweb si stringe attorno ai suoi famigliari, amici e colleghi in questo triste momento.

 

Il video dell’incidente