F1, Fernando Alonso: “Lasciare la Ferrari due anni prima sarebbe stato meglio”

Fernando Alonso (Getty Images)
Fernando Alonso (Getty Images)

Fernando Alonso ha deciso di lasciare la Ferrari dopo cinque anni senza aver vinto il titolo mondiale di Formula1, sfiorato in due occasioni e perso all’ultima gara, per fare ritorno alla McLaren e sposare un progetto che ha previsto il ritorno ai motori Honda. In un primo momento sembrava che le parti avessero divorziato in maniera consensuale senza troppi strascichi alle spalle. Ma invece nel corso del tempo è emerso più volte il rancore dello spagnolo per non aver potuto vincere alcun titolo in cinque anni, cosa della quale lui non si sente responsabile.

In un’intervista rilasciata alla CNN il due volte campione del mondo con la Renault ha aggiunto nuova benzina sul fuoco: “Le cose alla Ferrari stavano diventando sempre più tristi negli ultimi mesi e avrei dovuto lasciarla due anni prima. La macchina non è stata competitiva e allora uno o due anni in meno era la cosa migliore, ma abbiamo cercato di fare del nostro meglio lottando fino alla fine in ogni singola gara. Ma dopo cinque anni di Ferrari ed essere finito secondo così spesso, penso che fosse abbastanza”.

Successivamente Fernando Alonso ha proseguito spiegando quale fosse la situazione all’interno della scuderia di Maranello e che per lui andare in McLaren è stata la scelta migliore: “A volte con la Ferrari si vince o si perde a seconda di com’è l’umore della squadra in generale e del gruppo. È una grande squadra, con cose buone e cattive, ed un’esperienza buona da vivere una volta nella vita. Io non ho voluto arrendermi, e ho continuato a credere che fosse possibile mantenere vivo il sogno, ma l’anno scorso, mi sono reso conto che con il dominio della Mercedes non sarebbe stato possibile vincere a breve termine con la Ferrari e che un nuovo progetto era l’idea migliore. La McLaren è un progetto rischioso perché erano completamente nuovo, ma siamo una squadra: vinciamo e perdiamo insieme”.