Codice della Strada, minorenni in due sui motorini: la legge è in vigore

(Foto da Tuttosport)
(Foto da Tuttosport)

I minorenni a partire dai 16 anni potranno circolare in due sui motorini, sia cinquantini che 125. Entra in vigore da oggi la legge 115 del 29 luglio che è stata pubblicata il 3 agosto sulla Gazzetta Ufficiale e che modifica il Codice della Strada. Essa introduce anche una patente speciale di disabilità, elimina il richiamo della residenza necessaria ai fini del rilascio di una patente di guida ed obbliga gli esaminatori per il conseguimento della patente B dovranno essere titolari di una patente corrispondente da almeno tre anni.

Per quanto riguarda gli scooter è obbligatorio che essi siano omologati per portare due passeggeri, altrimenti si viola la legge. Si tratta comunque di un bel passo in avanti visto che precedentemente bisognava avere 18 anni per trasportare un’altra persona. Basta controllare la carta di circolazione per rendersi conto se è possibile o meno far salire in sella qualcun altro. I motorini più recenti in genere sono tutti omologati. Questa modifica del Codice della Strada sarà certamente apprezzata ed era divenuta obbligatoria considerando che l’Unione Europea aveva richiamato l’Italia diverse volte.

Per quanto concerne la patente di disabilità, sarà consentito agganciare alla vettura rimorchi (come una roulotte per esempio) di peso superiore ai 750 kg. Per essere autorizzati a farlo sarà obbligatorio però ottenere la licenza speciale per rimorchio non leggero nel caso in cui si sfori il peso di 3.500 kg del «complesso veicolare» (ovvero vettura più rimorchio), altrimenti basterà possedere semplicemente la patente B.

Per quanto riguarda gli esaminatori abbiamo accennato già che dovranno possedere una patente da tre anni se si occupano del conseguimento della Patente B. Ma per tutte le per tutte le altre patenti, gli esaminatori in attività al 30 giugno 2015 saranno autorizzati ad effettuare esami solamente dopo aver concluso uno specifico percorso formativo. Un’ultima novità riguarda i gradi del campo visivo verso l’alto necessari per conseguire la patente, che adesso passano da 25 a 30.