MotoGP, Marc Marquez: “Dura recuperare su Lorenzo e Rossi, ma ci provo”

Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)

Marc Marquez sperava di vincere anche a Brno dopo i successi negli ultimi due gran premi al Sachsenring (Germania) e ad Indianapolis (Stati Uniti). Ma in Repubblica Ceca ha dovuto fare i conti con un Jorge Lorenzo imprendibile e pertanto si è dovuto accontentare del secondo gradino del podio. Adesso il distacco in classifica dal connazionale e da Valentino Rossi, appaiati in testa, è di 52 punti e mancano 7 gare alla fine del campionato. L’impresa di tornare in corsa per il titolo è molto complicata, una vera mission impossibile per il due volte campione del mondo MotoGP. Lui è un vincente e ci proverà fino alla fine.

 

GP Brno 2015: le parole di Marc Marquez

Lo spagnolo ha così commentato il risultato ottenuto al termine della corsa: «Sapevamo che questa sarebbe stata la pista più ostica per noi, dove sarei stato più in difficoltà sia per il mio stile di guida sia per le caratteristiche della moto – si legge su La Gazzetta dello Sport di oggi -. Siamo partiti venerdì che avevo quasi un secondo di svantaggio di passo, in gara siamo arrivati a solo 4”4 da Lorenzo: considerando tutto questo, credo sia stato un GP positivo».

Marc Marquez ha raccontato l’andamento della gara, spiegando perché non sia riuscito a stare con Jorge Lorenzo e a lottare con lui: «Nei primi giri, con le gomme nuove, ho forzato tanto, ma riuscivo a tenere il passo di Jorge. Speravo che lui calasse un po’ il ritmo, invece l’ha addirittura aumentato e per me sarebbe stato troppo rischioso andargli dietro: è vero che devo recuperare, ma con il secondo posto ho ancora una piccola speranza, se fossi caduto, il mio mondiale sarebbe finito qui».

A sette gare dal termine del campionato, per lui recuperare 52 punti a Jorge Lorenzo e Valentino Rossi è un’impresa disperata ormai: «Lo è: già sarebbe difficile se davanti ci fosse un solo pilota, figurarsi con due. Ma bisogna provarci, arriveranno piste più favorevoli alla Honda».