MotoGP Brno, Valentino Rossi: “Lorenzo è l’uomo da battere”

Valentino Rossi a Brno
Valentino Rossi a Brno (getty images)

Inizia il conto alla rovescia per la grande sfida di Brno, dove i tre alfieri della MotoGP partiranno dalla prima per quella che potrebbe essere la gara più emozionante della stagione. Valentino Rossi dovrà gestire il vantaggio di 9 punti sul compagno di team Jorge Lorenzo, ma sul tracciato ceco il maiorchino sembra essere avvantaggiato.

E molto dipenderà dalla scelta della gomma posteriore, media o hard, anche se la decisione dipende anche dallo stile di guida e dalle temperature dell’asfalto. Un dettaglio minimo che potrebbe fare la grande differenza.

Dal venerdì al sabato il campione di Tavullia ha recuperato 2 o 3 decimi su Lorenzo e nel warm-up di stamane potrebbe trovare quella formula magica sul set-up che potrebbe fargli limare ancora qualcosina, in attesa del Gran Premio delle ore 14.

“Questa prima fila è per me molto importante”, ha osservato Valentino al termine della Q2. “Perché ultimamente sembrava come se Jorge e Marc avessero fatto un altro passo avanti. Entrambi sono al top della forma, sia perchè dominano perfettamente le loro moto, sia in qualifica dove non fanno errori. Sono sempre in prima fila. Se voglio competere contro di loro in Coppa del Mondo devo essere almeno in seconda fila. Questa volta ha funzionato, sono felice. Ero sicuro che potesse funzionare qui. Ero ottimista sul fatto che avrei trovato il giusto grado di concentrazione”.

Ma quando bisogna fare i conti con professionisti del calibro di Jorge Lorenzo e Marc Marquez tutto questo potrebbe anche non bastare… “E’ perfetto che io possa partire dalla prima fila… Abbiamo fatto un lavoro impeccabile, ma non so se questo sarà sufficiente, perché Jorge è in splendida forma. Lui è l’uomo da battere – ha sottolineato Valentino Rossi -. Egli è presente in posizione durante tutta la gara ad un ritmo alto. Il grande punto interrogativo rimane Marc. Ha un’altra moto. Pertanto è difficile per noi valutare le sue abilità. Ma io sono convinto che lui sarà forte in gara dall’inizio alla fine. Il mio piano sembra semplice: una buona partenza e poi provare a stare con loro due”.