MotoGP, Valentino Rossi: “Grazie Marquez, ma non abituarti alla vittoria…”

Valentino Rossi ad Assen
Valentino Rossi (getty images)

Dopo dieci gare e altrettanti podi Valentino Rossi comanda ancora la classifica del Mondiale MotoGP 2015, con un vantaggio di 9 punti sul compagno di squadra Jorge Lorenzo. A Indianapolis il campione di Tavullia ha strappato un terzo posto insperato alla vigilia, dopo le mille difficoltà riscontrare nelle prove libere e in qualifica, per di più su un circuito alquanto più favorevole alle Honda ufficiali di Marc Marquez e Dani Pedrosa.

Ma stavolta Valentino ha avuto la meglio nella sfida con Pedrosa, mentre Marquez ha avuto la meglio su Lorenzo nella sfida per il gradino più alto del podio. In tal maniera Jorge ha recuperato solo 4 punti in classifica. “Questa del podio sta diventando un’abitudine molto importante per il campionato – ha detto il pesarese ai microfoni di Sky Sport -. Soprattutto in week end come questo perchè sapevo che qui avremmo sofferto, anche se lo scorso anno su questa pista in prova ero stato più forte. Se fossi riuscito a partire, non dalla pole, ma almeno dalla seconda fila forse me la sarei potuta giocare”.

Il segreto del successo è partire subito veloci sin dal venerdì di prove libere, per trovare il giusto set-up quanto prima e piazzarsi sulla griglia almeno in seconda fila, per evitare il traffico alla partenza e non consentire ai suoi avversari di guadagnare decimi preziosi al primo giro. Quindi bisogna lavorare sodo in ottica qualifiche… “Credo che sia un mio limite e non della moto – ha sottolineato il Dottore -. Devo lavorare io su questa cosa per cercare di non faticare poi in gara”.

E dopo la gara di Indianapolis ringrazia parzialmente il campione in carica della Honda: “In questo momento del campionato è stato meglio che Marquez abbia vinto, ma a lungo termine chi lo sa… L’importante è che non si abitui, perchè più Marc prende confidenza in se stesso – ha concluso Valentino Rossi -, e più sarà difficile batterlo”.