MotoGP, Jorge Lorenzo: “Non avevo energie per attaccare Marc Marquez”

Jorge Lorenzo a Indy
Jorge Lorenzo (getty images)

La seconda parte del Mondiale inizia sotto una buona stella per Jorge Lorenzo che accorcia ulteriormente le distanze da Valentino Rossi, adesso a meno 9, con altre otto gare da disputare da qui alla fine della stagione. Dal GP di Brno a quella di Valencia sarà un susseguirsi di emozioni e capovolgimenti di fronte, con Marc Marquez ritornato alla ribalta e i due piloti Yamaha spalla a spalla per contendersi il titolo iridato 2015.

A Indianapolis il pilota maiorchino della Movistar Yamaha ha rimediato la prima caduta stagionale durante il warm-up, ma non è bastato per sminuire la sua forza di volontà e il desiderio di conquistare il quinto titolo mondiale, il terzo nella MotoGP. “Nel warm-up ho avuto il mio primo incidente della stagione. Credo per colpa di uno pneumatico difettoso, a mio parere, perchè non aveva abbastanza aderenza. Ho aperto il gas lo stesso e improvvisamente la moto è scivolata via”, ha raccontato Jorge. “Così è stato un po’ difficile combattere contro la mia mente per recuperare la fiducia e iniziare la gara con ottimismo. Ma l’ho fatto e ho messo a segno il miglior inizio del weekend”.

Nonostante una gara quasi interamente al comando negli ultimi giri Marc Marquez ha assestato la zampata vincente e conquistato una vittoria importante, tagliando il traguardo con sei decimi di vantaggio su Lorenzo: “Anche andando più veloce rispetto alle prove il nostro ritmo non era abbastanza veloce per vincere Marc e la sua Honda… Ho spinto molto in ogni curva e probabilmente ho perso più energia di Marc, che mi seguiva. Quando ha attaccato io davvero non ho avuto abbastanza energia e non ero abbastanza fresco per fare un attacco contro di lui”.

La vittoria di Marquez ha fatto tirare un sospiro di sollievo a Valentino Rossi… “Siamo stati molto vicino a recuperare più punti, probabilmente dodici se avessimo vinto la gara e Valentino fosse finito in quarta posizione. Ma alla fine ha superato Dani e io ho perso la posizione con Marc e abbiamo potuto recuperare solo quattro punti”.

Ora è già tempo di pensare al prossimo GP di Brno, in programma domenica 16 agosto: “In MotoGP non si sa mai cosa può succedere fino a quando non si compiono alcuni giri. In teoria Brno potrebbe essere meglio di Indianapolis – ha concluso Jorge Lorenzo -, ma dobbiamo sentire e vedere cosa succede. “