MotoGP, Cal Crutchlow: “Tornare alla Ducati? Certo che è possibile”

Cal Crutchlow
Cal Crutchlow (getty images)

Da settimane girano voci di un possibile ritorno di Cal Crutchlow in sella alla Ducati, più precisamente sulla Desmosedici del team Pramac Racing, dopo aver detto addio meno di un anno fa alla casa di Borgo Panigale.

Il pilota britannico probabilmente lascerà il team LCR Honda di Lucio Cecchinello e nel guardarsi intorno pare che la scelta più attraente potrebbe essere quella di un ritorno in Ducati, come confermato qualche giorno fa da uno dei responsabili del team Octo Pramac Racing, Felix Rodriguez.

Crutchlow ha deluso un po’ le aspettative del team satellite della Honda, ma ha forse deluso la fiducia anche di Luigi Dall’Igna quando ha deciso di abbandonare la Rossa al termine della scorsa stagione. Ma il proprietario del team Octo-Pramac Racing Paolo Campinoti (interessato anche a Stefan Bradl) vuole un rider di peso e sicuramente spingerà per lasciare andare via Yonny Hernandez, che potrebbe essere spostato nel team Avintia-Ducati.

Anche il team manager Francesco Guidotti, come riportato da Speedweek.com, avrebbe confermato un certo interesse per Cal Crutchlow che, interrogato al riguardo, ha confermato ufficialmente il contatto tra le due parti: “E’ ovvio che ho grandi amici in Ducati. Ho lasciato la squadra in autunno del 2014 in grande accordo”, ha affermato il 29enne britannico. “E’ chiaro che sto parlando con tutti attualmente. Potrebbe accadere che torno alla Ducati? Certo che potrebbe accadere. Accadrà? Non lo so. Forse è abbastanza sorprendente. Forse anche stasera…”.

Ma secondo alcuni addetti ai lavori si tratterebbe di una manovra mediatica del pilota britannico per giocare al rialzo con la Honda: per il 2016 non ci sono molti piloti di peso a disposizione, dato che Bradley Smith resterà con la Yamaha Tech3, idem Pol Espargarò. Per i team satellite non resta che puntare su Cal Crutchlow se vogliono un rider di un certo spessore tecnico, quindi… chi offre di più?