MotoGP, Stefan Bradl: “Non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura”

Stefan Bradl
Stefan Bradl – foto Facebook

Dopo aver rescisso il contratto con il team Forward Racing il pilota tedesco Stefan Bradl comincia la sua nuova avventura in sella all’Aprilia RS-GP, a cominciare da questo week-end a Indianapolis, dove per la prima volta prenderà confidenza con la moto di Noale. Bradl potrebbe rivelarsi decisivo nello sviluppo del progetto e affiancherà Alvaro Bautista in questa missione non certo facile, il tutto in ottica 2016

“Non vedo l’ora di arrivare a Indianapolis e iniziare questa nuova, grande avventura – ha spiegato il rider tedesco in una nota ufficiale -. Inizialmente non sarà facile, è ovvio: dovrò abituarmi a un nuovo team e a una nuova moto, per cui il mio obiettivo principale in questo primo Gran Premio è quello di iniziare a conoscere i miei tecnici e prendere confidenza con il comportamento della moto”.

L’infortunio alla mano destra sembra non dare più fastidi, quindi le condizioni per iniziare al meglio ci sono tutte: “Per quanto riguarda il mio polso destro infortunato, la situazione è buona: sono molto contento perché la mano non mi sta più dando problemi e ultimamente ho potuto effettuare lo stesso programma di allenamento che facevo prima dell’infortunio. Durante la pausa estiva il processo di guarigione è proseguito bene e lunedì scorso ho anche ricevuto l’ok dai medici per gareggiare a Indy – ha aggiunto Stefan Bradl -. Di recente mi sono allenato anche con il Motocross per verificare le sensazioni in moto: non so ancora come mi sentirò in sella a una MotoGP, ma penso che arriverò a Indianapolis già vicino al 100% della forma fisica”.

 

Romano Albesiano pensa positivo…

Il direttore tecnico di Aprilia Racing, Romano Albesiano, non ha nascosto di aver inseguito Stefan Bradl già alla vigilia di questo campionato, un sogno che ora diventa realtà: “Penso che la nostra moto è molto diversa da quella che Stefan ha guidato dalla prima gara – ha detto Albesiano in un’intervista a Speedweek.com -. Ma la nostra moto non ha aspetti negativi specifici, non ha particolari vulnerabilità. Ma naturalmente Stefan deve prendere confidenza, ci vorrà del tempo prima che capisca la moto. Per questo ci sarà bisogno di più di una gara, credo due”.

Quindi dopo Indianapolis e Brino si vedrà il livello di competizione del pilota tedesco in sella all’Aprilia: “Dalla terza gara in poi lui potrebbe essere molto competitivo. Spero davvero che riusciremo a crescere insieme… il potenziale di Stefan è molto simile a quella di Bautista – ha concluso Romano Albesiano -. Penso che dopo due gare dovrebbe essere molto vicino a Alvaro. Questo è il mio parere”.