Fiat Eden Roc, all’asta uno dei due esemplari realizzati da Pininfarina

Fiat Eden Roc
photo Twitter

A Pebble Beach, dove il 15 e 16 agosto finiranno all’asta esemplari con un controvalore di decine di milioni, ci sarà anche un esemplare rarissimo costruito ufficialmente in sole due unità (ma si presume esista una terza), la Fiat Eden Roc, che reca la firma di Pininfarina ed è stata commissionata proprio dalla famiglia Agnelli.

Tutto iniziò a metà degli anni ’50, quando l’avvocato Gianni Agnelli ebbe il bisogno di una vettura da guidare a villa Leopolda a Cap d’Antibes (Costa Azzurra), per poter portare i propri ospiti a visitare la villa ed arrivare in riva al mare. Ed è a questo punto che entra in scena Pininfarina, a cui venne commissionata l’auto e che in breve consegnò ad Agnelli un esemplare di spiaggina su base Fiat 600 Multipla, con finiture esterne in legno e particolari ispirati ai motoscafi Riva.

Considerata la particolarità della vettura venne esposta al Salone di Parigi del 195, e subito catturò l’attenzione di William Doheny, amministratore delegato della Union Oil, che cercava una vettura di quel genere e con quello stile, da utilizzare nella sua tenuta sul lago Arrowhead, in California, e ne ordinò subito una. Ma sembrerebbe che un terzo esemplare sia stato commissionato e acquistato anche da Henry Ford, anche se su questo non si hanno conferme.

La Fiat Eden Roc in vendita è proprio quella appartenuta a William Doheny, che nel 2008, dopo il passaggio ad un erede, finì all’asta assieme ad altre proprietà della villa, ma visto le condizioni non proprio idilliache, la Eden Roc ha ricevuto un massiccio restauro, motore compreso, che ora ha una cilindrata di 962 cc e una potenza di 50 CV.

Il battitore d’asta non ha fornito una stima precisa della Fiat Eden Roc, ma si presume che ogni collezionista di fascia alta la vorrebbe avere, perché con quella carrozzeria a cielo aperto, la mancanza di porte, e il parabrezza corto, l’Eden Roc rappresenta chiaramente stravaganza fusa con stile sublime.