Niccolò Canepa denunciato per lesioni colpose: “Sono un pilota corretto” (VIDEO)

Niccolò Canepa
Niccolò Canepa (Getty Images)

Un 2015 da dimenticare per Niccolò Canepa. Il pilota della Superbike in questo campionato è arrivato a cambiare ben tre moto diverse. Partito con la EBR 1190 RX, è poi salito in sella alla Kawasaki ZX-10R del team Grillini per sostituire Christophe Ponsson quando il costruttore statunitense è fallito. Infine è approdato al team Althea dove guida una Ducati.

Ma adesso per lui è arrivata una notizia ben peggiore rispetto a quella di dover cambiare nuovamente moto. E’ stato infatti citato in giudizio per il reato di lesioni personali colpose che lo costringeranno a presentasi di fronte al Giudice di Pace di Firenze. L’udienza è fissata per il 30 settembre. Il motivo? Aver provocato la caduta di Davide Cappato, il pilota che lo ha denunciato, nel corso di una sessione di prove amatoriale svolte il 23 settembre 2013 sulla pista del Mugello. Niccolò Canepa avrebbe involontariamente azionato la leva del freno anteriore della moto guidata dal collega, che nell’occasione ha rimediato una frattura della clavicola, facendola ribaltare in avanti tra la curva Poggio Secco e la Materassi. Su Youtube e su tutto il web si sta già diffondendo a macchia d’olio il video dell’accaduto, in cui si vede che l’attuale pilota Ducati mette la sua mano sinistra sulla Suzuki GSX-R 1000 che lo affiancava e qualche secondo dopo è avvenuto l’incidente.

Niccolò Canepa è stato interpellato per cercare di fare chiarezza in merito a questa situazione. Queste le sue parole ai riportate da Motosprint: “Purtroppo non posso dire molto perché c’è un procedimento in corso. Quello che posso dire è che ho fiducia nella giustizia e sono sicuro che la verità venga a galla. Purtroppo non posso spiegare come sono andate veramente le cose, ma io so bene che non ho mai fatto del male a nessuno e lo dimostrerò nelle sedi competenti. Sono sempre stato un pilota e una persona corretta nei confronti di tutti, per questo sono sereno e non sono affatto preoccupato per questo video”.