Milano: guida l’auto senza casco e arriva la “multa pazza”

(Getty Images)
(Getty Images)

 

Guidare una macchina con le cinture allacciate ed essere sanzionati con una multa per non aver indossato il casco. Sembra la trama surreale di una barzelletta estiva, o il copione di una scena da teatro dell’assurdo. Invece è la cronaca – ahinoi reale – dell’incredibile vicenda di cui è stato protagonista un automobilista milanese.

Il signor Gianpiero Ghiringelli, 51enne di Rebecco sul Naviglio (Milano), si è infatti visto comminare una contravvenzione di 88 euro per aver guidato una moto Honda senza casco. Ma il giorno in cui i vigili hanno redatto il rapporto lui girava in macchina, e – per giunta – il malcapitato nemmeno possiede una Honda.

 

Se la realtà supera la fantasia

Come riferiscono i colleghi del Giorno, l’errore rischiava di costare molto caro all’automobilista. “Pensavo si trattasse di uno scherzo – ha raccontato Ghiringelli – poi ho capito che era tutta realtà e che quella sanzione, per una presunta infrazione commessa in viale Papignano all’incrocio con via Modestino, doveva essere pagata”. Come se non bastesse, l’uomo – che sulle due ruote a quanto pare – ha anche subìto una decurtazione di 5 punti dalla patente.

L’equivoco sarebbe nato dal fatto che i vigili avevano segnato un numero di targa errato – inserendo quando hanno “beccato” l’ignoto motociclista che contravveniva al codice della strada. In particolare, avrebbero trascritto male le ultime due lettere della targa: “Proprio per quel motivo è saltato fuori che si trattava di una moto e non di un’auto, non ne hanno indovinata una”. Ma il vero calvario è cominciato quando ha cercato di farsi annullare la multa è iniziato il calvario.

“Ho dovuto faticare parecchio – spiega Ghiringelli sempre al Giorno – ma alla fine hanno ammesso l’evidenza dell’errore e la multa è stata annullata. Sono degli errori inammissibili che non dovrebbero essere commessi. A rimetterci siamo sempre noi cittadini e che per ottenere l’annullamento della sanzione mi sono dovuto muovere parecchio, perdendo del tempo”. Noi di Tuttomotoriweb non possiamo che dirci d’accordo.