8 Ore di Suzuka: Yamaha onora il 60° anniversario. Adesso tocca a Valentino e Lorenzo

Il podio della 8 Ore di Suzuka 2015
photo Facebook

Il 2015 sembra cominciato nel migliore dei modi per Yamaha, sia nella MotoGP, dove Valentino Rossi e Jorge Lorenzo comandano saldamente la classifica, sia nella 8 Ore di Suzuka, il celebre appuntamento orientale vinto dal trio Katsuyuki Nakasuga, Pol Espargaro e Bradley Smith.

Lo spirito di squadra e la splendida performance della YZF-R1 ha permesso di sbaragliare la concorrenza di Honda, Suzuki e Kawasaki in una giornata storica, dopo che nelle ultime due edizioni aveva trionfato la Honda e quest’anno sembrava partisse da favorita ancora una volta.

Ma la caduta di Casey Stoner ha spianato la strada verso la vittoria, sebbene sia doveroso sottolineare che già nei giorni precedenti la squadra di Iwata si era dimostrata più veloce e costante.

“Come squadra abbiamo iniziato la gara con un determinato numero di giri per pilota e per me c’è stata molta tensione in quanto dovevo iniziare io la gara, ma il mio primo obiettivo era di finire questa gara – ha dichiarato Katsuyuki Nakasuga -. Voglio ringraziare tutto lo staff, la squadra e tutti i tifosi per il loro sostegno. Sono davvero contento che abbiamo vinto dopo diciannove anni”.

Soddisfatto della vittoria anche Pol Espargaro, il pilota della MotoGP che ha deciso di accorciare le ferie per onorare i colori della Yamaha, autore di un piccolo errore che ha reso ancora più emozionante la 8 Ore di Suzuka: “Sono così felice. E’ stata una gara incredibile. Devo dire che mi dispiace per i miei compagni di squadra perché ho commesso un errore durante la gara. Abbiamo avuto una sosta e abbiamo perso più di un minuto per una penalizzazione – ha affermato il rider spagnolo -. I miei compagni di squadra erano impressionanti, erano così veloci. Ho dato il 200% quando sono uscito sulla moto per recuperare questo gap che abbiamo perso e ce l’abbiamo fatta. E’ impressionante quello che Yamaha come un team ufficiale e una famiglia ha fatto dopo tanti anni e sono orgoglioso di Nakasuga-san che ha guidato i primi giri con noi e anche di Bradley, con cui condividiamo un box in MotoGP. Normalmente abbiamo molto lavoro e non riusciamo a parlare spesso come amici – ha concluso Pol Espargaro che al sabato ha conquistato la pole -. Questo fine settimana è stato così buono per noi. Sono contento perché ho trovato due grandi amici, e abbiamo vinto la 8 ore di Suzuka“.

 

“Con la velocità e il ritmo che i miei compagni di squadra sono stati in grado di fare, siamo stati in grado di superare ogni difficoltà – ha detto Bradley Smith -. E’ molto speciale, il 60 ° anniversario per Yamaha, sono in testa al campionato MotoGP (categoria Open, ndr), ma sono contento che siamo stati in grado di mostrare il vero potenziale di questa moto e dare loro una meritata vittoria nella 8 Ore di Suzuka dopo 19 anni”.

Ma per completare al meglio il 2015 targato Yamaha ora servirà anche la vittoria nella MotoGP, con Valentino Rossi che potrebbe aggiudicarsi il decimo titolo in carriera e Jorge Lorenzo che insegue a -13, con la possibilità di poter tentare il sorpasso. Per la casa di Iwata sarà un anno coi fiocchi…