Avellino, il prefetto alla polizia: “Inutile ritirare la patente a chi è ubriaco”

foto dal web
foto dal web

La richiesta del prefetto di Avellino ha quasi dell’incredibile, eppure succede anche questo, anche se molto probabilmente si tratta di una provocazione per aprire un lungo e serio dibattito in materia. Carlo Sessa ha comunicato alle forze dell’ordine di “non ritirare più i permessi di guida con tasso alcolemico da 0,8 a 1,5”.

Il motivo è presto detto nel documento inviato a tutte le forze di polizia della provincia di Avellino: “E’ inutile ritirare la patente a chi guida ubriaco, i giudici la ridanno subito”.

Ma la richiesta del prefetto irpino ha suscitato le proteste di diverse associazioni e degli agenti stessi. L’Asaps, Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, ha pubblicato una nota sul proprio sito per criticare la decisione del prefetto Sessa: “Già siamo di fronte alla demolizione sistematica dell’uso dell’etilometro da parte dei GdP che annullano per umidità nell’aria oltre il 90%, per troppo freddo, per mancata revisione, se la moglie ha una lavanderia per i gas inspirati, per uso del colluttorio, se sei diabetico ecc. Ora ci si mettono pure i prefetti a cambiare d’imperio le leggi e il CdS”.

Si ricorda che il prefetto ha il potere della sospensione amministrativa della patente, in attesa che quella penale faccia il suo corso, che a volte può richiedere anche due anni di tempo. Stavolta il prefetto di Avellino non solo non vuole prendersi la responsabilità di ritirare la patente a chi viene beccato ubriaco alla guida, ma dà un duro colpo a chi cerca di tenere la situazione sotto controllo a gran fatica.