Ferrari, nuovo richiamo negli USA per 814 esemplari

Ferrari 458 Speciale A
Ferrari 458 Speciale A (getty images)

I problemi riscontrati con gli airbag prodotti dalla Takata hanno coinvolto anche la nostra amata Ferrari. Non finisce la sfilza di richiami di cui è protagonista la Ferrari negli Stati Uniti, prima con la supersportiva “LaFerrari” e adesso con gli 814 esemplari (sempre immatricolati negli USA) richiamati per gli airbag difettosi prodotti dall’azienda giapponese, i quali in caso di incidente potrebbero gonfiarsi nella direzione sbagliata aumentando il rischio di ferite.

La Ferrari North America ha in programma il richiamo di 814 veicoli, alcuni prodotti nel 2015, tra cui 458 Italia, 458 Spider, 458 Speciale, 458 Speciale A, California T, FF, F12 Berlinetta, e le auto Ferrari “LaFerrari”. A partire dal 30 luglio, nei concessionari del Cavallino Rampante, comincerà la sostituzione di tutto l’occorrente per ripristinare gli airbag senza costi aggiuntivi per i clienti.

Non è dato sapere se il problema è causato da un assemblaggio improprio o dal difetto intrinseco all’airbag della Takata, che negli ultimi tempi ha fatto fare incetta di richiami alle case automobilistiche, per circa 34 milioni di veicoli, ma solo negli Stati Uniti. Gli airbag potenzialmente difettosi potrebbero esplodere e lanciare schegge contro i conducenti e i passeggeri.