F1, Manor Marussia: “Jules Bianchi ha lasciato un segno indelebile nella nostra vita”

Jules Bianchi
Jules Bianchi (Getty Images)

Nella giornata di oggi si è spento Jules Bianchi. Il 25enne pilota è deceduto dopo aver trascorso in coma i mesi successivi al 5 ottobre 2014, giorno in cui era stato protagonista di un terribile schianto nel corso del Gran Premio del Giappone corso a Suzuka.

Le sue condizioni furono da subito considerate critiche e le speranze di rivederlo in forma e sorridente come un tempo erano pressoché nulle. Ma i dottori si sono impegnati al massimo per tenerlo in vita sperando in un miracolo, al quale si appellavano ovviamente anche i familiari del francese. Ma Jules Bianchi non ce l’ha fatta purtroppo ed è venuto a mancare.

Un triste lutto anche per la Formula1, che da anni è si è impegnata nel rendere le gare sempre più sicure proprio per evitare tragedie come questa. L’ultima morte avvenuta in questo sport risale a Imola 1994, quando a perdere la vita fu il leggendario Ayrton Senna. Da lì in poi è stato impiegato il massimo impegno da parte dei vertici della FIA e dei team. Purtroppo a volte certe tragedie sono imprevedibili.

 

La Manor Marussia saluta Jules Bianchi

La morte del pilota francese ha colpito molto duramente la Manor Marussia, ultimo team con il quale il ragazzo aveva corso e al quale aveva regalato perfino la gioia di ottenere 2 punti nel Gran Premio di Monaco. La scuderia tramite il team principal John Booth ha espresso il proprio dolore per la triste perdita:

“Le parole non possono descrivere l’enorme tristezza all’interno del nostro team, dopo essere venuti a conoscenza della perdita di Jules. Ha lasciato un segno indelebile nella vita di tutti noi, e sarà per sempre parte di ciò che abbiamo ottenuto e di tutto ciò che faremo in futuro”.

“Jules era un talento cristallino. Era destinato a compiere grandi cose nel nostro sport; un successo che meritava davvero. Era anche una magnifica persona che ha lasciato una bellissima impressione su innumerevoli persone in tutto il mondo. Loro, come noi, hanno riconosciuto allo stesso tempo come, oltre ad essere un pilota fortemente motivato, era anche una persona incredibilmente affettuosa, umile e simpatica, che ha illuminato il nostro garage e le nostre vite”.

“Siamo incredibilmente grati di aver dato a Jules l’opportunità di mostrare al mondo cosa sapeva fare su una Formula 1. Sapevamo di avere tra le mani un pilota davvero speciale sin dalla prima volta che ha guidato la nostra vettura nei test pre-campionato del 2013. Per noi è stato un onore considerarlo un nostro pilota, un nostro compagno di squadra ed, ovviamente, un nostro amico”.

“I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la meravigliosa famiglia Bianchi, che è stata fortissima per Jules nel corso degli ultimi nove mesi. A sua volta, Jules è stato un vanto per loro”.

“Infine, vorremmo ringraziare tutti coloro che hanno supportato Jules sin dal giorno dell’incidente in Giappone dello scorso ottobre. La vostra bontà è stata una fonte di conforto per la sua famiglia e per noi, il suo team. Continueremo a fare affidamento sul vostro continuo supporto nei prossimi giorni e nei prossimi mesi, noi correremo per Jules”.

A STATEMENT FROM THE MANOR MARUSSIA F1 TEAMSaturday 18 July 2015, 10.00hrs BSTSilverstone, UKThe Manor Marussia F1…

Posted by Manor F1 Team on Sabato 18 luglio 2015