MotoGP, Marc Marquez: “Dopo Assen il rapporto con Valentino Rossi non cambia”

Valentino Rossi e Marc Marquez
Valentino Rossi e Marc Marquez (getty images)

Marc Marquez chiude le qualifiche del GP Germania con una pole da record e dimostra di poter essere ancora il più forte, nonostante le tre cadute che hanno complicato la sua corsa al terzo titolo mondiale in MotoGP. Dopo le scintille di Assen il pilota della Honda si prende una prima rivincita ed è il super favorito per la vittoria sul circuito del Sachsenring.

In un’intervista esclusiva realizzata da Guido Meda su Sky Sport MotoGP HD, Marc Marquez ha parlato della sua vita privata, della stagione in corso e del contatto con Valentino Rossi in Olanda. Al momento non è fidanzato ma il desiderio di avere un figlio lo affascina, anche se si tratta di un progetto a lungo termine: “E’ una cosa della vita e sicuramente mi piacerebbe, un giorno, averne uno”.

Dopo Assen si è parlato tanto del contatto all’ultima curva con Valentino Rossi, ma assicura che il buon rapporto tra i due non è stato compromesso: “Non penso, perché alla fine lui sta lottando per il campionato e io sono più distante. Io ho 22 anni e lui è da 20 anni in questo mondo e da lui si possono imparare tante cose. In Olanda ne ho imparata un’altra. Ci sono state tante situazioni in quell’ultima chicane e nessuno era mai stato così furbo da fare quello che ha fatto lui”.

Ma quando Guido Meda gli fa notare di essere entrato in maniera un po’ rude Marc Marquez non cambia opinione sulla vicenda: “Io sono entrato in quella curva abbastanza con precauzione… Penso che Valentino ha insegnato a tutti i piloti, compreso me, un altro modo per affrontare quell’ultima chicane”.