MotoGP, Livio Suppo: “Andrea Iannone può giocarsi la vittoria”

Andrea Iannone
La Ducati di Andrea Iannone (getty images)

Per Andrea Iannone si tratta della terza stagione in MotoGP, la prima con una Ducati ufficiale. E finora il pilota abruzzese, forte di una Desmosedici GP15 altamente competitiva, non ha deluso le aspettative, anzi.

Dopo otto gare si ritrova terzo in classifica, alle spalle delle Yamaha, ma davanti alle Honda ufficiali e al ben più esperto compagno di squadra Andrea Dovizioso. Due volte sul podio, tre volte ai piedi del podio, sta dimostrando una costanza di risultati che finora gli era mancata.

Secondo molti Andrea Iannone ancora non ha dimostrato tutto il suo potenziale e sono pronti a scommettere che sarà lui il pilota italiano più in auge dopo l’addio di Valentino Rossi alla classe regina. E magari quando la casa di Borgo Panigale risolverà gli ultimi problemi sulla Ducati GP15 potrà stupire ancora di più.

A dare un giudizio sulla sua prima parte di stagione ci pensa un tecnico avversario, Livio Suppo, team principal della Honda Racing Corporation: “Già in Moto2 aveva dimostrato di essere veloce, era uno dei pochi che riusciva a dare fastidio a Marquez e a volte lo ha anche battuto – ha detto Suppo in un’intervista rilasciata a Gpone.com – In questa stagione sta facendo vedere un’ottima crescita, non ha buttato via nulla nei GP. Per arrivare ai livello dei primi deve ancora crescere un po’, ora è tutto nelle sue mani. Ha una moto competitiva, è veloce e penso che possa giocarsi la vittoria nella giornata giusta”.