F1, Kimi Raikkonen: “La Ferrari deve decidere il mio futuro”

Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen (Getty Images)

Il contratto di Kimi Raikkonen scade alla fine del 2015 e la Ferrari non ha ancora deciso se prolungarlo per un’altra stagione o meno. Tutto dipende dai risultati del finlandese, la scuderia di Maranello è sempre stata chiara e diretta nell’affermarlo. Per guadagnarsi il rinnovo deve mostrarsi affidabile e mantenere costantemente un elevato rendimento. Al momento non si può certo dire che il pilota stia facendo del suo meglio per farsi confermare. Troppi errori da parte sua e finora il confronto con il compagno Sebastian Vettel lo sta perdendo in maniera abbastanza evidente, nonostante abbia il potenziale per duellare con lui.

Il campione del mondo 2007 durante durante l’F1 Show, programma televisivo britannico dedicato alla Formula1, ha parlato della sua situazione contrattuale facendo riferimento alle affermazioni di Sergio Marchionne e Maurizio Arrivabene, che hanno detto che il suo futuro è nelle sue mani: «Non sempre le cose sono nelle nostre mani – riporta il Corriere dello Sport -. Hanno l’opzione di estendere il contratto per un altro anno e tocca a loro decidere, sia che firmi, sia che non firmi».

Kimi Raikkonen a volte è stato accusato di non avere più motivazioni e di essere troppo distratto per essere considerato un grande pilota, ma lui allontana le critiche: «Non sarei qui oggi se non amassi questo sport. Ma non è divertente quando ti capitano week-end come quello in Austria. Non è la prima volta, sperò che sarà l’ultima, ma a volte le cose vanno male. L’obiettivo rimane quello di fare bene, tutta la squadra lo vuole e sono sicuro che in futuro la Ferrari sarà il team da battere».