Moto3, Direzione Gara: “Troppi piloti cercano la scia, nuove regole per prove e qualifiche”

Moto3
Moto3 in Catalunya (getty images)

La Direzione Gara è dovuta intervenire sul regolamento della Moto3 dopo che in Catalunya ben 30 piloti sarebbero dovuti essere penalizzati. Rallentare in pista in cerca della scia del più veloce è divenuta un’abitudine consolidata in Moto3, motivo per cui sono stati chiamati ad Assen per un summit in cui sono state delineate le nuove linee guide. Infatti questo cattivo comportamento metto a rischio l’incolumità propria e altrui.

“Abbiamo un problema in Moto3 a causa dei piloti che aspettano in pista un pilota più veloce per seguire la scia e tentare di migliorare il proprio tempo sul giro”, ha spiegato il Direttore di Gara Mike Webb sul sito Motogp.com. “In alcuni circuiti non è un grosso problema, ma in Catalogna è stato un grosso problema in Moto3. In quelle condizioni non si ha la possibilità di impostare un giro veloce ed è pericoloso”.

 

In passato venivano assegnati dei punti di penalità per comportamenti simili, ma non è bastato. Quindi Mike Webb assicura: “Ora procederemo diversamente: chi aspetterà gli altri piloti in pista e creerà un disturbo partirà dal fondo dello schieramento in gara. Questo varrà sia per i turni di prove libere che per le qualifiche e adotteremo come metro di giudizio un tempo limite del 107% rispetto al crono medio in cui gira ogni pilota. Quando il tempo sarà troppo lento non scatterà immediatamente la penalizzazione, ma il pilota dovrà avere una buona ragione per giustificarsi”.

Ma si tratta solo del primo passo da parte della Direzione Gara, ma qualora non dovesse bastare si pensa di cambiare il format delle qualifiche della Moto3: “Un’alternativa potrebbe essere quella di dare un limite di giri ai piloti nelle qualifiche”, oppure far partire i piloti della serie cadetta uno ad uno dalla pit-lane, in modo da garantire che ogni pilota abbia un giro ‘pulito’. Ma la speranza è di non dover ricorrere a questi rimedi estremi, soprattutto a campionato in corso.